Risciacquo acido fai da te per capelli lucidi

Cure e trattamenti dei capelli
Regole del forum
Tinte senza ammoniaca e vegetali
Immagine Immagine
Rispondi
Avatar utente
Amelia
Sostenitore attivo
Messaggi: 145
Iscritto il: 15/01/2018, 21:07
Contatta:

Risciacquo acido fai da te per capelli lucidi

Messaggio da Amelia » 03/09/2019, 20:24

Risciacquo_acido_capelli_lucidi.jpg
Risciacquo_acido_capelli_lucidi.jpg (45.18 KiB) Visto 98 volte

Si torna dalle vacanze e i capelli sono opachi, sciupati, spenti? Di solito ricorriamo subito a maschere, impacchi e shampoo lucidanti, ma per ridare la lucentezza perduta ai capelli oltre a nutrirli e ristrutturarli il rimedio per eccellenza è il risciacquo acido.


Che cos'è il risciacquo acido per i capelli?

I capelli sono sottoposti ad agenti ossidanti (sole, mare, tinte chimiche) e per lo più basici o calcarei come l'acqua che si usa per lavarli.
Inoltre i residui che rimangono sui capelli dopo ripetuti trattamenti fra cui le tinte o i vari prodotti che si usano per modellarli, accumulandosi rendono i capelli più aridi e opachi.

Perché si fa il risciacquo acido?

Acidificare l'acqua con prodotti a pH acido ed usarla per il risciacquo finale serve ad eliminare l'effetto "stopposo" dei capelli.
Di fatti, nel caso in cui i capelli siano spenti e opachi il risciacquo finale dopo lo shampoo e il balsamo, con un prodotto acido serve a far chiudere le cuticole (squame) dei capelli e a ridonare lucentezza riportando il capello al suo equilibrio.

Ciò avviene perché i prodotti a base acida (con un pH al di sotto di 7) servono a far contrarre e restringere le cuticole che chiudendosi formano una superficie liscia e compatta sul capello. Grazie a questo effetto si riflette meglio la luce sulla superficie dei capelli e si acquista lucentezza, morbidezza, pettinabilità, nonché un effetto antistatico.

Al contrario, i prodotti alcalini (con pH al di sopra di 7) fanno aprire le cuticole che espandendosi (aprendosi) creano una superficie increspata (visibile al microscopio), la quale sarà causa di un effetto opaco e crespo sulla capigliatura.

Un esempio di un prodotto alcalino è l'ammoniaca presente nelle tinte per capelli. L'ammoniaca ha infatti la funzione di far aprire le cuticole per permettere al colore della tinta di penetrare nel capello.

Anche molti prodotti per modellare i capelli sono a base alcalina.

Un eccesso di prodotti a base alcalina con il tempo possono rovinare i capelli, che diventano molto porosi.

Come si fa il risciacquo acido fai da te?

Per il risciacquo acido si può usare l'aceto di mele o il succo di limone.

Occorrono:
- un cucchiaio di aceto di mele o il succo di un limone;
- 1 litro di acqua a temperatura ambiente (se l'acqua è troppo calcarea usare acqua distillata).

Aggiungere il cucchiaio di aceto di mele o il succo di limone nell'acqua dentro una brocca o bacinella facile da usare per versarla sui capelli da sciacquare.
Si usa come risciacquo finale, dopo il balsamo e non va risciacquato ulteriormente.

:idea: Si consiglia per un migliore risultato il seguente procedimento: dopo aver lavato via il balsamo dare un ulteriore getto di acqua fredda a cute e capelli e poi immergere i capelli nella bacinella con l'acqua acidificata. Lasciarli in ammollo per 10-15 secondi e versare infine l'acqua della bacinella sulla capigliatura.
Tamponare i capelli con asciugamano ed asciugarli.

Questo risciacquo va applicato ogni 15gg su capelli secchi, opachi o sciupati.

:arrow: Altre varianti di risciacquo acido si possono fare con l'infuso di rosmarino che sarà particolarmente utile per rinforzare i capelli, stimola i follicoli, è tonificante e antisettico.

L'infuso si prepara con 4-5 rametti di rosmarino fresco che si mettono a bollire in 1Lt di acqua per 20 minuti.

Si lascia raffreddare l'infuso, si aggiunge un cucchiaio di aceto di mele e si procede con il risciacquo finale sui capelli, massaggiando anche il cuoio capelluto per stimolare la circolazione.

L'infuso di rosmarino si può anche sostituire con l'infuso di ortica, indicato per chi ha capelli grassi.

Se l'odore dell'aceto non piace, basta aggiungere poche gocce di olio essenziale a piacimento.

Note: le dosi vanno adeguate alle esigenze. Chi ha capelli molto voluminosi o lunghi avrà bisogno di più acqua per risciacquarli, quindi userà ad esempio due cucchiai di aceto di mele in due litri di acqua.


Non cercare di splendere come la giada, ma sii semplice come la pietra.
(Lao Tzu)

Tags:

Booking.com
hairpassion
Utente registrato
Messaggi: 9
Iscritto il: 18/08/2016, 21:50
Contatta:

Re: Risciacquo acido fai da te per capelli lucidi

Messaggio da hairpassion » 03/09/2019, 22:13

Verissimo, io con il risciacquo acido che poi è un antico rimedio della nonna ottengo dei capelli più lucidi di quando ho usato lucidanti a base di oli o siliconi.

Io il risciacquo acido l'ho fatto anche con l'aceto di vino quando non ho in casa quello di mele, però l'odore è più forte e anche l'azione infatti ne metto poco. Diluisco un cucchiaio di aceto di vino bio in un litro di acqua e sui miei capelli va benissimo.



Avatar utente
Amelia
Sostenitore attivo
Messaggi: 145
Iscritto il: 15/01/2018, 21:07
Contatta:

Re: Risciacquo acido fai da te per capelli lucidi

Messaggio da Amelia » 04/09/2019, 3:27

hairpassion ha scritto:
03/09/2019, 22:13
Verissimo, io con il risciacquo acido che poi è un antico rimedio della nonna ottengo dei capelli più lucidi di quando ho usato lucidanti a base di oli o siliconi.

Io il risciacquo acido l'ho fatto anche con l'aceto di vino quando non ho in casa quello di mele, però l'odore è più forte e anche l'azione infatti ne metto poco. Diluisco un cucchiaio di aceto di vino bio in un litro di acqua e sui miei capelli va benissimo.
perfectok! Infatti il risciacquo acido anche mia nonna mi diceva di farlo con aceto di vino.
La differenza è che l'aceto di vino ha un pH più acido e quindi va diluito di più rispetto all'aceto di mele.

Il pH dell'aceto di vino si aggira fra a 2,8 e 3,2.
Il pH dell'aceto di mele ha un valore fra 4,5 e 6.

La scelta se usare un tipo o l'altro è a discrezione considerando che se si sceglie l'aceto di vino è meglio diluirlo in più acqua, quindi diciamo che 1 cucchiaio in 1,5 Lt di acqua basta già ad acidificare.

Il succo di limone invece ha un pH fra 2,3 e 2,5 che è ancora più basso dell'aceto di vino e anche in questo caso basta il succo di un limone in 1,5 - 2 Lt di acqua.

C'è chi non si trova bene nè con l'aceto, né con il limone (che potrebbe dare un effetto un po' appiccicoso, dipende dai capelli). Se non piacciono né l'uno, né l'altro si può ricorrere al semplice acido citrico (pH 2,35).

L'acido citrico è naturalmente contenuto nel limone in una percentuale del 7% - 8%; usandolo già in polvere è concentrato e se ne usa pochissimo per acidificare l'acqua.

Per il risciacquo con acido citrico le proporzioni possono dunque essere di una punta di un cucchiaino in 1,5 - 2 Lt di acqua.

Il risultato finale dipende molto dal tipo di capigliatura. In base alla propria chioma si decideranno meglio le proporzioni da usare e il tipo di prodotto.


Non cercare di splendere come la giada, ma sii semplice come la pietra.
(Lao Tzu)

hairpassion
Utente registrato
Messaggi: 9
Iscritto il: 18/08/2016, 21:50
Contatta:

Re: Risciacquo acido fai da te per capelli lucidi

Messaggio da hairpassion » 04/09/2019, 19:15

Amelia ha scritto:
04/09/2019, 3:27
hairpassion ha scritto:
03/09/2019, 22:13
Verissimo, io con il risciacquo acido che poi è un antico rimedio della nonna ottengo dei capelli più lucidi di quando ho usato lucidanti a base di oli o siliconi.

Io il risciacquo acido l'ho fatto anche con l'aceto di vino quando non ho in casa quello di mele, però l'odore è più forte e anche l'azione infatti ne metto poco. Diluisco un cucchiaio di aceto di vino bio in un litro di acqua e sui miei capelli va benissimo.
perfectok! Infatti il risciacquo acido anche mia nonna mi diceva di farlo con aceto di vino.
La differenza è che l'aceto di vino ha un pH più acido e quindi va diluito di più rispetto all'aceto di mele.

Il pH dell'aceto di vino si aggira fra a 2,8 e 3,2.
Il pH dell'aceto di mele ha un valore fra 4,5 e 6.

La scelta se usare un tipo o l'altro è a discrezione considerando che se si sceglie l'aceto di vino è meglio diluirlo in più acqua, quindi diciamo che 1 cucchiaio in 1,5 Lt di acqua basta già ad acidificare.

Il succo di limone invece ha un pH fra 2,3 e 2,5 che è ancora più basso dell'aceto di vino e anche in questo caso basta il succo di un limone in 1,5 - 2 Lt di acqua.

C'è chi non si trova bene nè con l'aceto, né con il limone (che potrebbe dare un effetto un po' appiccicoso, dipende dai capelli). Se non piacciono né l'uno, né l'altro si può ricorrere al semplice acido citrico (pH 2,35).

L'acido citrico è naturalmente contenuto nel limone in una percentuale del 7% - 8%; usandolo già in polvere è concentrato e se ne usa pochissimo per acidificare l'acqua.

Per il risciacquo con acido citrico le proporzioni possono dunque essere di una punta di un cucchiaino in 1,5 - 2 Lt di acqua.

Il risultato finale dipende molto dal tipo di capigliatura. In base alla propria chioma si decideranno meglio le proporzioni da usare e il tipo di prodotto.
Amelia tutte queste informazioni mi mancavano e non sapevo dell'acido citrico.

Sugli infusi o tisane da usare per i capelli ho trovato una bella lista.

- Capelli normali: tisane di calendula, camomilla, rosmarino, salvia, equiseto.
- Capelli grassi: tisane di ortica, bardana, equiseto, alloro, timo, menta, cannella, tè verde.
- Capelli con forfora: tisane di salvia, basilico, ortica, rosmarino, melissa.
- Capelli secchi: tisane di camomilla, calendula, malva, salvia.



Rispondi

Torna a “Tutto sui Capelli”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti