Confezioni per alimenti in bioplastica che segnalano se il cibo è andato a male

Regole del forum

Consulta le regole
Rispondi
Avatar utente
NaturAthanor
Utente registrato
Messaggi: 79
Iscritto il: 09/02/2016, 5:05
Contatta:

Confezioni per alimenti in bioplastica che segnalano se il cibo è andato a male

Messaggio da NaturAthanor » 19/03/2020, 3:57

ENEA_Biopellicole_Packaging.jpg
Il Centro Enea di Brindisi in collaborazione con l'Università del Salento, ha creato delle bio-pellicole che possono essere usate nel confezionamento degli alimenti, ma anche nell'arredamento e nei mezzi di trasporto. Sono plastiche fatte con materie prime vegetali, 100% biodegradabili e compostabili, ma la loro caratteristica speciale è che possono cambiare colore in caso di cibo deteriorato. Infatti reagiscono con l'atmosfera interna della confezione e variano il colore quando rilevano il livello acido-base dell'ambiente con cui vengono a contatto.

Queste bio pellicole hanno anche un'azione antifungina ed antiossidante che aiuta a conservare meglio gli alimenti perché sono stati aggiunti olio di cardanolo (derivato dall'anacardo) e una molecola chiamata porfirina. Per prolungare la scadenza degli alimenti contenuti sono stati usati ossido di zinco e alluminio con proprietà antimicrobiche.

Oltre che per l'uso come packaging alimentare possono essere impiegate negli arredamenti interni dei mezzi di trasporto (auto, aerei e treni) perché resistenti al fuoco.

Per la creazione delle biopellicole sono stati sviluppati dei nuovi materiali con l'aggiunta di fibre o additivi di origine naturale derivanti da scarti della filiera agroalimentare come quelli della vegetazione olearia, lino, canapa, lavorazioni del caffè.

Sul sito ENEA viene spiegato che le bio-plastiche sono ricavate dalla "trasformazione degli zuccheri contenuti nel mais e nelle barbabietole, mentre i bio-compositi sono stati ottenuti aggiungendo alla bio-plastica additivi provenienti dagli scarti di lavorazione dei settori agroalimentari tipici del territorio".

Claudia Massaro, ricercatrice del Centro Enea di Brindisi commenta: "Siamo impegnati da anni nella sfida per la sostenibilità, in linea con i principi dell'economia circolare, ci siamo dedicati allo sviluppo di soluzioni per ridurre l'impatto ambientale dei contenitori a fine vita, in linea con gli obiettivi della direttiva europea" sul bando della plastica monouso al 2021.

"Le bioplastiche e biocompositi a fine vita subiscono un processo di degradazione che produce sostanze innocue o utili, come i fertilizzanti; inoltre possiedono caratteristiche chimico-fisiche in grado di sostituire completamente le plastiche di origine fossile in molteplici applicazioni", conclude Massaro.


"Pensa agendo ed agisci pensando."

Tags:

Booking.com
TuttoConoscenza
Utente registrato
Messaggi: 14
Iscritto il: 23/09/2019, 14:36
Contatta:

Re: Confezioni per alimenti in bioplastica che segnalano se il cibo è andato a male

Messaggio da TuttoConoscenza » 22/03/2020, 20:51

mipiace;) Un bel risultato! L'unico dubbio è l'aggiunta di alluminio... che per la conservazione dei cibi ha i suoi limiti. Ovvero non deve stare a contatto con alimenti acidi ecc...


"It From Bit - La realtà origina dall'informazione" - (John Archibald Wheeler)

Rispondi
  • Argomenti simili
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio

Torna a “Nuove soluzioni ecosostenibili”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti