Microplastiche nei biberon: quali sono i rischi?

Tutto quello che può interessare sapere sulle sane abitudini alimentari, lo stile di vita e la salute.
Regole del forum

Consulta le regole
Rispondi
Avatar utente
greensoul
Sostenitore Senior
Messaggi: 839
Iscritto il: 16/02/2016, 5:07
Contatta:

Microplastiche nei biberon: quali sono i rischi?

Messaggio da greensoul »

Microplastiche_nei_biberon_rischi.jpg
Le microplastiche stanno affliggendo il pianeta: le ritroviamo ovunque persino nei luoghi più incontaminati come l'Everest o l'Artico! Non esiste quasi più un angolo della Terra in cui non ci sia contaminazione da parte di queste microparticelle.

Ma, nonostante l'evidenza del disastro e i rischi di cui si parla per la salute umana e del pianeta, si continuano ad usare i biberon in polipropilene (PP), un polimero termoplastico che è più resistente e rigido del Polietilene e fonde a temperatura più elevata. E' spesso impiegato per il confezionamento alimentare.

Un biberon classico prodotto in PP è maneggevole, leggero e resistente; viene utilizzato da quasi dieci anni e non ci si è mai chiesti che conseguenze potesse avere per il bambino che si nutre da una bottiglia di plastica!
Precedentemente i biberon in plastica dura contenevano bisfenolo A, ma venne vietato in Europa e sostituito con questo materiale in polipropilene. Purtroppo anche questa "soluzione" non è stata così saggia e ideale perché i bambini che prendono il latte con questo tipo di biberon vengono esposti a milioni di particelle di microplastiche invisibili che galleggiano nel latte.

La prova viene da uno studio pubblicato su Nature Food che ha quantificato le particelle di plastica invisibili che galleggiano nel latte materno dopo la sua preparazione in una bottiglia di polipropilene. Secondo questo studio, i bambini di un anno ingeriscono ogni giorno diversi milioni di particelle microplastiche, senza che i loro effetti sulla salute siano ancora noti.

Microplastiche nei biberon come vengono rilasciate?

Gli scienziati del Trinity College di Dublino hanno testato per 21 giorni i biberon in PP seguendo le raccomandazioni dell'OMS, che prevedono che prima va riscaldato il contenitore in acqua bollente e poi lasciarlo raffreddare. Quindi riempirlo con acqua riscaldata a 70°C e aggiungere il latte per neonati in polvere e mescolare.
Ebbene, hanno scoperto che il processo raccomandato ad alta temperatura per sterilizzare le bottiglie di plastica e preparare il latte artificiale faceva sì che le bottiglie perdessero milioni di microplastiche e trilioni di nanoplastiche ancora più piccole.

In pratica come era prevedibile, il calore altera la bottiglia di plastica: maggiore è la temperatura, maggiore è il numero di microplastiche. Per recuperare le nanoplastiche, gli scienziati hanno utilizzato filtri che intrappolano particelle di 0,8 micron o più grandi. Hanno così individuato tra 1,3 milioni e 16,2 milioni di nanoparticelle per litro di latte nei dieci biberon testati.

Le bottiglie in polipropilene testate costituiscono l'82% del mercato mondiale, con le bottiglie di vetro come principale alternativa. Il polipropilene è una delle plastiche più comunemente utilizzate e test preliminari degli scienziati hanno scoperto che bollitori e contenitori per alimenti producevano anche milioni di microplastiche per litro di liquido.

Le microplastiche nell'ambiente erano già note per contaminare cibi e bevande umane, ma lo studio mostra che la preparazione del cibo in contenitori di plastica può portare a un'esposizione migliaia di volte superiore.

Si sapeva già che le persone consumavano microplastiche attraverso il cibo e l'acqua e le inalavano. In particolare, è stato scoperto che il tè preparato con bustine a base di plastica e l'acqua potabile venduta in bottiglie di plastica contenevano microplastiche. Gli scienziati temono che le microplastiche possano trasportare agenti patogeni o sostanze chimiche tossiche nel corpo.

Gli impatti sulla salute sono sconosciuti e gli scienziati dicono che c'è un "bisogno urgente" di valutare il problema, in particolare per i neonati. Il team ha anche prodotto linee guida sulla sterilizzazione per ridurre l'esposizione alla microplastica.


Nei paesi più sviluppati c'è più rischio di microplastiche

Per stimare il consumo giornaliero di particelle di plastica di un bambino di 12 mesi attraverso il suo biberon di latte, hanno monitorato l'esposizione dei bambini in 48 regioni del mondo. Secondo la loro stima, un bambino di un anno ingerisce tra 14.600 e 4.550.000 particelle di plastica al giorno a seconda della regione del mondo in cui vive, i paesi sviluppati sono i più colpiti.
La Francia è nella fascia alta, più di 4.000.000 di microplastiche ingerite al giorno, contro 2,3 milioni per la media europea stimata. Ciò può essere in parte spiegato dal basso tasso di allattamento al seno in questo paese. Uno studio del Dress pubblicato nel 2016, indica che il 66% delle donne allattava quando è nato il bambino, ma lo erano solo il 18% dopo sei mesi. In confronto, nei paesi scandinavi, campioni europei dell'allattamento al seno, il 98% dei neonati è allattato al seno e oltre il 72% dei bambini è allattato al seno dopo sei mesi (dati del 2005).

Effetti sulla salute ancora sconosciuti

Le implicazioni per la salute di questa esposizione alle microplastiche non sono ancora note. Ora è sicuro ingerire e respirare regolarmente le microplastiche. Ma gli scienziati non sanno ancora come si comportano una volta nel corpo e se inducono o meno tossicità. Quando ingerite, le microparticelle vengono fatte passare attraverso le feci e quando le inspiriamo possono accumularsi nel tessuto polmonare.
Sebbene i numeri forniti da questo studio sembrino astronomici, gli autori non hanno studiato gli effetti sulla salute in questa ricerca. È quindi difficile dire se la dose significativa di microplastiche, la frequenza di esposizione e il fatto che i bambini ancora in via di sviluppo siano esposti costituiscano un rischio per la loro salute.

(Fonte: articolo di Julle Kern del 20/10/2020)



Tags:
Rispondi
  • Argomenti simili
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio

Torna a “Cibo, Salute e Stili di vita”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite