Microplastiche nell'acqua in bottiglia: trovati frammenti più piccoli di 5 millimetri

Tutto quello che può interessare sapere sulle sane abitudini alimentari, lo stile di vita e la salute.
Regole del forum

Consulta le regole
Rispondi
Avatar utente
greensoul
Sostenitore Senior
Messaggi: 860
Iscritto il: 16/02/2016, 5:07
Contatta:

Microplastiche nell'acqua in bottiglia: trovati frammenti più piccoli di 5 millimetri

Messaggio da greensoul »

Microplastiche_nell_acqua_minerale.jpg
Microplastiche nell'acqua in bottiglia: trovati frammenti più piccoli di 5 millimetri.

Nel 78% delle bottiglie di acqua minerale analizzate e commercializzate in Francia, fra cui i marchi Nestlè e Danone, sono risultate contaminate da frammenti di microplastiche più piccoli di 5 millimetri.

I risultati sono consultabili nel rapporto dell’Associazione no-profit Agir pour l’Environment, che ha fatto analizzare da un laboratorio indipendente nove bottiglie di acqua minerale con i marchi di Danone Badoit, Evian (nei formati da 0,5 e 1 litro in plastica riciclata al 100%) e Volvic, quella a marchio Carrefour (fonte Montclar), l’acqua Cristalline dell’azienda Roxane, e i brand di Nestlé Perrier (in bottiglia blu) e Vittel (la bottiglia da 330 ml per bambini e quella da 1 litro).

Il numero di microplastiche presenti è compreso 1 e 121 microparticelle per litro.

Quali tipi di plastiche sono presenti nell'acqua minerale?

I polimeri più riscontrati nelle analisi sono il polipropilene (PP), il polietilene (PE) e il polietilene tereftalato (PET), e sono state rinvenute anche tracce di poliuretano (PU).

Ma l'acqua peggiore è la Vittel per bambini, con 40 microplastiche in 330 ml, pari a 121 per litro.

Da dove provengono le microplastiche che contaminano l'acqua minerale?

In base al tipo di polimeri ritrovati, gli esperti analisti ritengono che l’ipotesi più probabile sia che la contaminazione arrivi sia dalle fasi di imbottigliamento che dall’esposizione alla luce e al calore delle bottiglie, nei passaggi che portano dalla produzione alla vendita.

Cosa hanno detto i produttori?

FoodNavigator ha interpellato sia a Danone che Nestlé, ma entrambe le aziende hanno rimandato all’associazione di categoria, la Natural Mineral Waters Europe, la quale ha tergiversato non prendendo atto della gravità della situazione e mettendo in dubbio i risultati. Infatti, secondo l'associazione di categoria "non essendo stati ripetuti da altri laboratori, e riguardando un piccolo numero di bottiglie, non potrebbero essere considerati ‘scientifici’."

Inoltre, ha sottolineato che sugli effetti delle microplastiche sulla salute non ci sono ancora dati certi, come affermato anche dall’ultimo rapporto dell’Oms, datato 2019, e poiché esse sono ovunque, anche nell’aria, è di fatto impossibile evitare le contaminazioni.

Contaminazioni nell'acqua minerale superiori a quelle ambientali

Nonostante l'associazione giustifichi e sminuisca il problema, si evidenzia che le concentrazioni presenti nelle bottiglie sono molto superiori a quelle che si trovano nelle contaminazioni ambientali, e l’indagine dell’associazione francese ha confermato altri studi che hanno mostrato situazioni analoghe.

Uno dei più importanti, e di ben altre dimensioni, pubblicato nel 2018 su Frontiers in Chemistry dai ricercatori dell’Università statale di New York, ha fatto emergere una situazione davvero preoccupante: l’acqua in bottiglia analizzata (259 campioni di 11 marchi prelevati in 19 punti vendita di nove stati) conteneva il doppio delle microplastiche rispetto a quella di rubinetto, e il 93% dei campioni analizzati era contaminata, con una media di 10,4 microparticelle per microlitro.

L'associazione Foodnavigator ha proposto un’iniziativa per il bando totale dell’acqua nelle bottiglie di plastica entro il 2027 per intervenire sul problema ormai impellente.

(Fonte notizia: salute.aduc.it)



Tags:
Avatar utente
greensoul
Sostenitore Senior
Messaggi: 860
Iscritto il: 16/02/2016, 5:07
Contatta:

Re: Microplastiche nell'acqua in bottiglia: trovati frammenti più piccoli di 5 millimetri

Messaggio da greensoul »

L'altro studio effettuato dalla State University di New York, è stato condotto su 259 bottiglie d'acqua provenienti da 19 località in 9 Paesi: Brasile, Cina, India, Indonesia, Kenya, Libano, Messico, Thailandia e Stati Uniti. Utilizzando il rosso nilo, un colorante sfruttato nella microscopia a fluorescenza, che rende evidente la plastica sotto alla luce blu, hanno individuato una concentrazione media di 10,4 particelle di plastica per litro, delle dimensioni di 100 micrometri, cioè 0,10 millimetri, e di circa 325 particelle per litro di dimensioni inferiori.

Il tipo di plastica più presente è il polipropilene, usato nella produzione dei tappi, ma sono state trovate anche tracce di nylon e di polietilene tereftalato (PET).
Delle 259 bottiglie analizzate, 17 (il 6,6%) erano prive di residui di plastica, mentre 1 (0,4%) conteneva circa 10 mila particelle.
Una precedente indagine commissionata da Orb Media aveva trovato tracce di microplastiche - di fibre di plastica, in particolare - nell'acqua del rubinetto di tutto il mondo, ma la concentrazione era inferiore: 1,9 particelle per mezzo litro (media in Europa).
(Fonte notizia: Focus.it)


CaterinaM
Utente registrato
Messaggi: 3
Iscritto il: 18/01/2020, 19:52
Contatta:

Re: Microplastiche nell'acqua in bottiglia: trovati frammenti più piccoli di 5 millimetri

Messaggio da CaterinaM »

greensoul ha scritto:
18/10/2022, 20:56

Microplastiche nell'acqua in bottiglia: trovati frammenti più piccoli di 5 millimetri.

Nel 78% delle bottiglie di acqua minerale analizzate e commercializzate in Francia, fra cui i marchi Nestlè e Danone, sono risultate contaminate da frammenti di microplastiche più piccoli di 5 millimetri.

I risultati sono consultabili nel rapporto dell’Associazione no-profit Agir pour l’Environment, che ha fatto analizzare da un laboratorio indipendente nove bottiglie di acqua minerale con i marchi di Danone Badoit, Evian (nei formati da 0,5 e 1 litro in plastica riciclata al 100%) e Volvic, quella a marchio Carrefour (fonte Montclar), l’acqua Cristalline dell’azienda Roxane, e i brand di Nestlé Perrier (in bottiglia blu) e Vittel (la bottiglia da 330 ml per bambini e quella da 1 litro).

Il numero di microplastiche presenti è compreso 1 e 121 microparticelle per litro.

Quali tipi di plastiche sono presenti nell'acqua minerale?

I polimeri più riscontrati nelle analisi sono il polipropilene (PP), il polietilene (PE) e il polietilene tereftalato (PET), e sono state rinvenute anche tracce di poliuretano (PU).

Ma l'acqua peggiore è la Vittel per bambini, con 40 microplastiche in 330 ml, pari a 121 per litro.

Da dove provengono le microplastiche che contaminano l'acqua minerale?

In base al tipo di polimeri ritrovati, gli esperti analisti ritengono che l’ipotesi più probabile sia che la contaminazione arrivi sia dalle fasi di imbottigliamento che dall’esposizione alla luce e al calore delle bottiglie, nei passaggi che portano dalla produzione alla vendita.

(Fonte notizia: salute.aduc.it)

Per me è scioccante questa situazione e il silenzio su tutto questo. Se ne parla troppo poco, le persone non vengono informate. Se penso che ancora al bar e in pizzeria fanno sempre il caffè nel bicchierino di plastica. L'ho sempre odiato, per me è assurdo mettere una bevanda bollente in un contenitore di plastica. Dico questo perché è evidente che intorno all'argomento c'è troppa ignoranza. Nessuno fa ancora caso a queste malsane abitudini e quando sono io a far notare qualcosa sembro un'aliena.

Grazie a voi per queste informazioni. mipiace;)


Avatar utente
greensoul
Sostenitore Senior
Messaggi: 860
Iscritto il: 16/02/2016, 5:07
Contatta:

Re: Microplastiche nell'acqua in bottiglia: trovati frammenti più piccoli di 5 millimetri

Messaggio da greensoul »

CaterinaM ha scritto:
19/10/2022, 5:38
greensoul ha scritto:
18/10/2022, 20:56

Microplastiche nell'acqua in bottiglia: trovati frammenti più piccoli di 5 millimetri.

Nel 78% delle bottiglie di acqua minerale analizzate e commercializzate in Francia, fra cui i marchi Nestlè e Danone, sono risultate contaminate da frammenti di microplastiche più piccoli di 5 millimetri.

I risultati sono consultabili nel rapporto dell’Associazione no-profit Agir pour l’Environment, che ha fatto analizzare da un laboratorio indipendente nove bottiglie di acqua minerale con i marchi di Danone Badoit, Evian (nei formati da 0,5 e 1 litro in plastica riciclata al 100%) e Volvic, quella a marchio Carrefour (fonte Montclar), l’acqua Cristalline dell’azienda Roxane, e i brand di Nestlé Perrier (in bottiglia blu) e Vittel (la bottiglia da 330 ml per bambini e quella da 1 litro).

Il numero di microplastiche presenti è compreso 1 e 121 microparticelle per litro.

Quali tipi di plastiche sono presenti nell'acqua minerale?

I polimeri più riscontrati nelle analisi sono il polipropilene (PP), il polietilene (PE) e il polietilene tereftalato (PET), e sono state rinvenute anche tracce di poliuretano (PU).

Ma l'acqua peggiore è la Vittel per bambini, con 40 microplastiche in 330 ml, pari a 121 per litro.

Da dove provengono le microplastiche che contaminano l'acqua minerale?

In base al tipo di polimeri ritrovati, gli esperti analisti ritengono che l’ipotesi più probabile sia che la contaminazione arrivi sia dalle fasi di imbottigliamento che dall’esposizione alla luce e al calore delle bottiglie, nei passaggi che portano dalla produzione alla vendita.

(Fonte notizia: salute.aduc.it)

Per me è scioccante questa situazione e il silenzio su tutto questo. Se ne parla troppo poco, le persone non vengono informate. Se penso che ancora al bar e in pizzeria fanno sempre il caffè nel bicchierino di plastica. L'ho sempre odiato, per me è assurdo mettere una bevanda bollente in un contenitore di plastica. Dico questo perché è evidente che intorno all'argomento c'è troppa ignoranza. Nessuno fa ancora caso a queste malsane abitudini e quando sono io a far notare qualcosa sembro un'aliena.

Grazie a voi per queste informazioni. mipiace;)
CaterinaM hai perfettamente ragione e fai bene ad avere accorgimenti sulle fonti di contaminazione con la plastica.

Anzi ti segnalo un altro importante articolo relativo ad una recente notizia sul rilevamento di microplastiche nel latte materno.
Già due anni fa lo stesso gruppo di ricerca aveva rilevato microplastiche anche nella placenta.

"Nello studio sono state seguite 34 donne all’Ospedale Fatebenefratelli Isola Tiberina di Roma, le quali hanno donato un campione di latte prelevato a una settimana dopo il parto. I risultati non sono positivi: infatti è arrivata la conferma, per la prima volta, della presenza di microplastiche anche nel latte materno.
Gli studiosi hanno impiegato contenitori di vetro per raccogliere il latte e evitare in questo modo possibili fonti di inquinamento dei campioni.

Dunque, si è proceduto ad analizzare i campioni di latte materno prelevato e il risultato è stato che in 26 dei 34 campioni si è rilevata presenza di microplastiche composte da materie plastiche differenti e individuate in microsfere o frammenti irregolari di dimensioni comprese tra 1 e 12 millesimi di millimetro.

Le plastiche più presenti erano le seguenti: polietilene (38%), Pvc (21%), polipropilene (17%)."

L'articolo completo si trova a questo link: Microplastiche si trovano anche nel latte materno: quali sono i rischi?


Rispondi
  • Argomenti simili
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio

Torna a “Cibo, Salute e Stili di vita”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite