Nitromusks e Polycyclic musks (Nitro Musks)- Muschi nitro sintetici

Rispondi
Avatar utente
Bioeco
Amministratore
Messaggi: 290
Iscritto il: 03/02/2016, 20:49
Contatta:

Nitromusks e Polycyclic musks (Nitro Musks)- Muschi nitro sintetici

Messaggio da Bioeco » 18/06/2018, 3:48

I nitro muschi (Nitromusks) sono sostanze create sinteticamente in laboratorio per essere utilizzate come fragranze in cosmesi e detergenza.
In origine il "musk" era ottenuto da una ghiandola di un cervo himalyano (Moschus moschiferus), ma quando l'animale era quasi estinto, verso la fine dell'Ottocento si passò a riprodurre la fragranza odorosa chimicamente e negli anni sono stati impiegati nell'industria profumiera i vari composti di nitro muschi e muschi policiclici (da non confondere con il muschio vegetale che è il muschio di quercia).

Attualmente in cosmetologia sono utilizzate due famiglie di muschi sintetici: nitromuschi e i muschi policiclici.

"Per quanto riguarda i nitromuschi quelli maggiormente impiegati in ambito cosmetologico sono rappresentati dai muschi xilene e dai muschi chetoni. Tali composti sono, in particolare, autorizzati nella formulazione dei prodotti cosmetici, tranne quelli per l’igiene orale, a condizione di non superare determinate concentrazioni, ovvero per i muschi xilene:

1% nei profumi;
0.4% nelle acque da toeletta;
0.03% negli altri prodotti.
mentre per i muschi chetoni:

1.4% nei profumi;
0.56% nelle acque da toeletta;
0.042% negli altri prodotti.



I limiti così stabiliti garantiscono un buon un margine di sicurezza, considerando anche le altre possibili fonti di esposizione.
Al contrario per quanto riguarda i muschi policiclici quelli maggiormente usati nella formulazione dei cosmetici sono l’AHTN (acetil-esametil-tetralina) e l’HHCB (esaedro-esametil-ciclopenta-benzopirano)."
(Tratto da farmacovigilanza.org/cosmetovigilanza/news/0509-01.asp)


Da studi e monitoraggi effettuati negli anni questi composti sono risultati pericolosi per la salute e per l'ambiente.
In particolare si parla dei seguenti nitromuschi e muschi policiclici:
  • Musk xylene: 5-tert-butyl-2,4,6-trinitro-m-xylene
  • Musk ambrette: 4-tert-butyl-3-methoxy-2,6-dinitrotoluene
  • Moskene: 1,1,3,3,5-pentamethyl-4,6-dinitroindan
  • Musk tibetine: 1-tert-butyl-3,4,5-trimethyl-2,6-dinitrobenzene
  • Musk ketone: 4’-tert-butyl-2’,6’-dimethyl-3’,5’-dinitroacetaphenone
  • HHCB (1,3,4,6,7,8-Hexahydro-4,6,6,7,8,8-hexamethylcyclopenta(g)-2-benzopyran)
  • AHTN (6-Acetyl-1,1,2,4,4,7-hexamethyltetralin)
Riportiamo uno studio che argomenta la questione della pericolosità di tali sostanze.

Studio pubblicato su https://ehjournal.biomedcentral.com/art ... 069X-13-14

"Esposizione umana ai muschi di nitro e valutazione della loro potenziale tossicità: una panoramica

I muschi nitro sintetici sono sostanze chimiche fragranti che si trovano nei prodotti per la cura della casa e della persona. L'uso di questi prodotti porta a esposizioni dirette attraverso l'assorbimento cutaneo, nonché l'inalazione di polveri contaminate e fragranze volatili. L'evidenza suggerisce anche che gli esseri umani sono esposti a basse dosi di queste sostanze chimiche attraverso l'assorbimento orale di liquidi e alimenti contaminati. Poiché questi composti sono lipofili, essi e i loro metaboliti sono stati trovati non solo nel sangue, ma anche nel latte materno e nel tessuto adiposo. Dopo l'uso personale, questi inquinanti persistenti per l'ambiente passano quindi attraverso gli impianti di depurazione attraverso i loro effluenti nell'ambiente.

Poco si sa sugli effetti biologici nell'uomo dopo un'esposizione prolungata a basse dosi a queste sostanze chimiche. Mentre mancano studi epidemiologici che valutano gli effetti dell'esposizione al muschio nitrico, vi sono prove limitate che suggeriscono che i livelli ematici di muschi di nitro sono inversamente correlati ai livelli di ormone luteinico. Questo è supportato da modelli animali e studi di laboratorio che hanno dimostrato che i muschi nitro sono debolmente estrogenici. L'esposizione ai muschi di nitro è stata associata ad un aumentato rischio di formazione di tumori nei topi. Le prove suggeriscono che mentre i nitro muschi da soli non sono genotossici, possono aumentare la genotossicità di altre sostanze chimiche. Tuttavia, i modelli animali per l'esposizione al muschio nitro si sono rivelati problematici poiché alcuni risultati sono specifici per specie. Ciò potrebbe spiegare perché la prova degli effetti sullo sviluppo negli animali sia conflittuale e inconcludente. Dato che i modelli animali e gli esperimenti su linee cellulari suggeriscono esiti avversi, ulteriori studi epidemiologici sono giustificati.

Introduzione
I muschi nitro sintetici sono derivati ​​nitrobenzenici alchilati. Queste sostanze chimiche sono un componente antropogenico in composizioni fragranti. Sono stati sintetizzati nei primi anni del 1900 come sostituti economici per i muschi macrociclici naturali usati nei profumi [ 1 ]. I muschi di nitro generalmente si riferiscono ai cinque composti profumati più rilevanti dal punto di vista commerciale: muschio chetone (4-terz-butil-2,6-dimetil-3,5-dinitroacetofenone), musk ambrette (2,6-dinitro-3-metossi-4-tert-butiltoluene), musk moskene (1,1 , 3,3,5-pentametil-4,6-dinitro-2H-indene), muschio tibetene (1-terz-butil-3,4,5-trimetil-2,6-dinitrobenzene) e muschio xilene (1-terz -butil-, 5-dimetil-2,4,6-trinitrobenzene).
Musk moskene e musk tibetene sono stati vietati dall'uso in prodotti fragranti a causa di esiti avversi da composti strutturalmente simili [ 2 ]. L'ambretta di muschio è stata sospesa dall'uso perché il suo consumo era associato alla debolezza degli arti posteriori nei ratti e ai cambiamenti neuropatologici osservati nel cervello, nel midollo spinale e nei nervi periferici [ 3]. Il muschio chetone e il muschio xilene continuano ad essere utilizzati come additivi nei detergenti, nell'ammorbidente, nei prodotti per la pulizia della casa e altri prodotti profumati non cosmetici con il muschio xilene come il muschio nitro più utilizzato [ 4 ].


Nel 2008, sotto l'autorità del regolamento REACH (Registration, Evaluation, Authorization and Restriction of Chemicals), il musk xylene è stato classificato come sostanza ad alto rischio con una designazione molto persistente e molto bioaccumulabile (vPvB). Un avviso di uso limitato è stato posto sul musk chetone. Hanno scoperto che i composti di muschio nitro non si degradano facilmente, causando loro di essere altamente stabili e onnipresenti nell'ambiente [ 5 ].

I muschi di nitro sono stati in gran parte sostituiti da muschi policiclici a causa del divieto di questi composti in diversi paesi [ 6 , 7 ]. Tuttavia, i muschi nitro vengono ancora prodotti in Cina e in India e utilizzati in composti non cosmetici negli Stati Uniti che non sono stati riformulati. Data la persistenza ambientale e l'uso continuato di muschi di nitro anche a un livello ridotto, vi sono preoccupazioni per gli effetti dell'esposizione a lungo termine. Questa panoramica è stata progettata per valutare la letteratura sui muschi nitro e discutere aree per ulteriori ricerche.


Esposizioni umane
La principale fonte di esposizione ai muschi sintetici è l'esposizione a prodotti profumati per la cura personale o prodotti profumati per la casa. In un rapporto che valuta le concentrazioni di muschi sintetici nei prodotti per la cura della persona in Cina, Lu et al. trovò il muschio xilene nel 19% dei prodotti e trovarono il musk chetone nel 57% dei prodotti testati. Questi prodotti includevano prodotti per la cura dei capelli, lavaggi per il corpo, saponi da toilette, lozioni per la pelle e trucco. La più alta concentrazione di muschio xilene è stata trovata nelle lozioni per la pelle con una concentrazione media di 0,16 ug / g di lozione. La massima concentrazione di muschio chetone è stata trovata in prodotti per la cura dei capelli con una concentrazione media di 8,12 ug / g di prodotto [ 8 ].

Le tre principali vie di esposizione ai muschi di nitro sono attraverso l'inalazione, l'assorbimento cutaneo e l'ingestione. Lu et al. [ 9 ] hanno esaminato la polvere da un campionamento casuale di case in Cina, rilevando il musk chetone nel 98,7% delle abitazioni a una concentrazione media di 13,7 ng / ge di muschio xilene a una concentrazione media di 11,8 ng / g nell'86,4% delle abitazioni. Ciò solleva la preoccupazione per l'inalazione di muschi di nitro attraverso la polvere residua in casa [ 9 ]. Tuttavia, l'esposizione umana ai muschi di nitro attraverso l'inalazione dall'ambiente è stata ritenuta minima suggerendo che l'inalazione dall'uso diretto è probabilmente un'esposizione più importante [ 10 ].

L'esposizione cutanea alle fragranze è stata ritenuta un'importante via di esposizione al muschio. Tuttavia, le prove suggeriscono che l'assorbimento di muschi di nitro applicati a livello dermico è basso. In uno studio di Hawkins et al. [ 11 ] quando il musk chetone e il musk xylene venivano applicati separatamente sul dorso di sette partecipanti, lo studio ha rilevato che dopo 6 ore erano in grado di recuperare l'86% del chetone muschiato applicato con solo lo 0,49% delle urine e meno di 0,01% nelle feci e sono stati in grado di recuperare un intervallo di 90-94% di muschio xilene con 0,2-0,3% escreto nelle urine e nessuno trovato nelle feci. Nessuna sostanza chimica è stata trovata nel sangue. Hutter et al. [ 12] hanno raggiunto risultati simili quando hanno valutato l'associazione tra assorbimento cutaneo attraverso l'uso cosmetico e livelli ematici di muschi sintetici. Lignell et al. [ 13 ] ha esaminato l'effetto dell'assorbimento cutaneo dei muschi nitro attraverso l'applicazione del profumo nelle donne che allattano. Hanno scoperto che l'uso di profumi durante la gravidanza non era predittivo dei livelli di muschio chetone e muschio xilene nel latte materno. Tuttavia, Eisenhardt et al. [ 14] hanno rilevato che i livelli ematici di nitro muschio erano associati all'uso di cosmetici, in particolare all'uso di profumi, il che suggerirebbe un'associazione con l'assorbimento cutaneo ma potrebbe anche essere dovuto all'inalazione. Tuttavia, sembra che non abbiano controllato per i forti predittori di concentrazioni chimiche lipofile nel sangue come l'età, il numero di bambini allattati al seno o l'indice di massa corporea durante la valutazione di questa relazione. Ciò suggerisce che l'assorbimento percutaneo potrebbe non essere così significativo come inizialmente pensato, e quindi dovrebbe essere controllato per le analisi di esposizione, ma potrebbe non essere così importante per una via di esposizione.

Considerando che la maggior parte dei muschi di nitro sono stati sostituiti da muschi policiclici in molti prodotti applicati dermicamente, l'esposizione orale attraverso acqua o cibo contaminati potrebbe essere un grande contributo alla presenza di muschio nitrico nel sangue, nel latte materno e nei linfociti [ 4 ]. Questo è supportato da uno studio condotto da Riedel e Dekant [ 15] in cui sia l'esposizione cutanea che quella orale a xilene muschiato sono state valutate in 12 volontari per un'esposizione a 96 ore. La percentuale di dose somministrata rilevata nel plasma è stata di un ordine di grandezza maggiore per esposizione orale rispetto all'esposizione cutanea. Sono stati trovati muschi di nitro a concentrazioni che vanno da un valore inferiore al limite di rilevamento a 470 ng / g di peso lipidico nei campioni di pesci d'acqua dolce, a seguito del deflusso di acque reflue nei sistemi acquatici. A causa di questo consumo di pesce contaminato può essere un'importante esposizione da considerare [ 16 ]. Tuttavia, mentre nei campioni di pesce sono stati trovati diversi livelli di muschi di nitro, Kafferlein e Angerer hanno riscontrato che l'assunzione di pesce nella dieta, valutata mediante un questionario sulla frequenza degli alimenti, non era correlata con i livelli ematici di muschi nitro [ 1 , 17], 18 ].

La maggior parte degli studi sull'uomo che coinvolgono i nitro muschi hanno cercato di valutare la tossicocinetica delle sostanze chimiche una volta che i muschi nitro sono stati assorbiti. Dopo l'assorbimento da parte del corpo, il muschio xilene può passare attraverso un processo di riduzione che produce nitroderivati. Uno di questi derivati, 1-terz-butil-3,5-dimetil-4-ammino-2,6-dinitrobenzene si è dimostrato legarsi all'emoglobina ed è un prodotto di biotrasformazione che si trova spesso nelle urine [ 19 ]. L'emivita di xilene muschiato varia da 60 a 94 nel corpo [ 20 ]. Questa lunga emivita può essere spiegata da un modello cinetico a due compartimenti in cui il muschio è inizialmente biotrasformato dal corpo ed escreto o distribuito dal sangue in un secondo compartimento, in questo caso il tessuto adiposo [ 15 ].

I muschi di nitro hanno un basso intervallo (4.3-4.9) di coefficienti di ripartizione ottanolo-acqua che indicano che essi sono lipofili [ 21 ]. Nel 1994, gli studi hanno iniziato a rilevare la presenza di muschi di nitro nel tessuto adiposo umano e nei campioni di latte. I livelli di muschi di nitro variavano da 0,01 a 0,22 mg / kg di grasso nei campioni adiposi e 0,01-0,19 mg / kg di grasso nei campioni di latte [ 22 ]. In uno studio condotto nel Massachusetts sul latte materno, Reiner et al. [ 23] ha trovato risultati simili con intervalli di muschi di nitro trovati tra 0,02-0,238 mg / kg di grasso. L'età materna non era correlata con i livelli di muschi nel latte materno, che non è coerente con la maggior parte degli inquinanti organici persistenti. C'era una relazione inversa tra il numero di bambini allattati al seno in precedenza e la concentrazione di latte materno, che è prevedibile con sostanze inquinanti lipofile. Tuttavia, questa relazione non era significativa.

Muschi nell'ambiente
Sebbene l'uso umano di prodotti per la cura della casa e della persona che contengono muschi di nitro sia la principale via di esposizione umana, è stata la presenza di questi composti in campioni ambientali che originariamente destavano preoccupazioni sugli effetti biologici e ambientali dei muschi di nitro negli anni '80. Yamagishi et al. [ 17 ] hanno trovato la loro presenza in oltre l'80% di campioni di pesci d'acqua dolce, acqua di fiume e acque reflue prelevate da più stazioni di campionamento sul fiume Tama e sulla baia di Tokyo. Da allora i muschi di nitro sono stati trovati nei biota e negli ambienti marini del Mar Baltico, del Mare del Nord, del fiume Vlatava a Praga e del Lago Michigan negli Stati Uniti [ 1 , 24 , 25 ].

I muschi di nitro non sono facilmente degradabili, il che spiega in parte la loro presenza diffusa nei campioni ambientali. Tuttavia, quando i muschi di nitro si fanno strada dai contesti di utilizzo personale e nelle acque di scarico, il passaggio attraverso gli impianti di depurazione sembra degradare un po 'i muschi di nitro poiché i sottoprodotti dei muschi di nitro sono stati trovati negli effluenti dell'impianto di depurazione del campione [ 6 ]. Tuttavia, gli impianti di trattamento delle acque reflue degradano solo tra il 46-54% dei muschi nitro che entrano nella pianta prima di rilasciare il loro effluente nell'ambiente [ 7]. Pertanto, anche con tale trattamento, rimane il potenziale di esposizione ambientale. Inoltre, i prodotti di biotrasformazione di muschi di nitro creati dal processo di trattamento delle acque reflue potrebbero anche essere di interesse nella valutazione del rischio. I prodotti di biotrasformazione di muschi di nitro sono stati trovati in sistemi acquatici a concentrazioni più elevate rispetto al composto precedente, indicando che anche i prodotti trasformati di muschi di nitro sono persistenti dal punto di vista ambientale [ 17 , 24 , 26 ].

L'effluente delle acque reflue ha la capacità di influenzare le concentrazioni di sostanze chimiche nelle acque superficiali. Ciò è importante quando si utilizzano fonti d'acqua contaminate per fornire impianti di trattamento delle acque o dove vengono utilizzati per ricaricare le acque sotterranee. Herberer et al. [ 27 ] hanno rilevato che alcuni inquinanti organici trovati nell'acqua del rubinetto erano correlati ai livelli di filtrazione dell'acqua superficiale e al rifornimento intenzionale di acqua sotterranea a Berlino. Negli Stati Uniti, le acque reflue riciclate sono attualmente utilizzate per il riutilizzo indiretto e il riutilizzo non potabile, il che significa che l'acqua riutilizzata non è direttamente utilizzata per l'acqua del rubinetto. Tuttavia, una relazione presentata dal Comitato nazionale sulla valutazione del riutilizzo dell'acqua come approccio per soddisfare le future esigenze di approvvigionamento idrico [ 28 ]] ha dichiarato che l'acqua riutilizzata potrebbe essere utilizzata per aumentare le scorte di acqua superficiale che potrebbero essere utilizzate per le fonti di acqua potabile. Ciò creerebbe un circuito chiuso del sistema idrico o un circuito del sistema idrico semichiuso. Ciò solleva preoccupazioni su come ciò influenzerà le concentrazioni di muschi nitro e altri inquinanti ambientalmente stabili nell'acqua potabile. L'evidenza suggerisce che le aree che utilizzano sistemi di rifornimento idrico chiusi o semichiusi vedono un graduale aumento della concentrazione di contaminanti nel tempo. Questo effetto è il risultato del basso flusso di acqua superficiale e dell'aumento dell'effluente delle acque reflue che viene aggiunto alle acque superficiali [ 27 , 29 ].

Un'interessante fonte secondaria di muschi nitro per l'ambiente, in particolare il muschio chetone, potrebbe essere la fusione dei ghiacciai. Ciò è stato dimostrato nel lago Oberaar, un lago alimentato da ghiacciai in cui sono stati rilevati picchi di inquinanti organici persistenti nel deflusso del ghiacciaio [ 30 ]. Questo è stato anche visto per contaminanti il ​​cui uso era stato a lungo interrotto. Ciò suggerisce che anche se la produzione di muschio nitro è stata interrotta, esiste ancora un potenziale di esposizione.

La natura persistente dei muschi nell'ambiente è stata ben documentata. Inoltre, un vasto numero di persone potrebbe essere esposto a queste sostanze chimiche. Sebbene non sia stato raggiunto un consenso sugli effetti biologici delle continue esposizioni a basse dosi che possono verificarsi nell'uomo, è importante valutare i possibili esiti di salute derivanti da tali esposizioni ai muschi di nitro.

Tossicità
Gli studi animali e di laboratorio sui muschi nitro si sono concentrati principalmente su tre aree principali: effetti dello sviluppo dovuti all'esposizione perinatale e nella prima infanzia, effetti endocrini ed effetti cancerogeni. Un riassunto degli studi utilizzati in questa panoramica è disponibile nel file aggiuntivo 1 .

Gli studi sugli effetti dello sviluppo si sono concentrati sugli esiti avversi della nascita attraverso le specie, come la capacità di concepire e la vitalità degli embrioni, e hanno trovato risultati contrastanti. Non è stato dimostrato che l'esposizione di ratti gravidi a 45 mg / kg / die di muschio chetone o 200 mg / kg / die di muschio xilene abbia avuto effetti avversi sull'embrione [ 31 ]. In zebrafish, il musk chetone tra i livelli di 0,1 e 10 mg / g di cibo / giorno è stato trovato per ridurre il peso corporeo delle femmine di riproduzione fino al 38% e ridurre il numero di uova / femmina / giorno fino al 95% [ 32 ] . Gli embrioni esposti al muschio chetone a livelli superiori a 10 μg / l nelle acque circostanti avevano ridotto la sopravvivenza in stadi precoci [ 32]. Quando gli embrioni di rane artigliate sudafricane sono stati esposti a 400 μg / l / die di muschio chetone, muschio xilene o musk moskene nelle acque circostanti per 11 giorni, si registrava un aumento della mortalità delle larve per ogni giorno di esposizione in aumento [ 33 ].

Una volta riconosciuta la lipofilia dei muschi di nitro, c'era una preoccupazione generale sui possibili effetti modulatori endocrini di queste sostanze chimiche. Ciò è dovuto al fatto che molti composti aromatici e lipofili simili hanno mostrato capacità di legame al recettore endocrino [ 34 , 35 ]. Uno dei primi studi, che studiava i potenziali effetti endocrini, ha esaminato la capacità legante del muschio xilene, del muschio chetone, del muschio moskene e dei loro derivati ​​nei recettori degli estrogeni nella trota arcobaleno e nella rana artigliata sudafricana. Non è stato osservato alcun legame di muschio xilene, muschio chetone o musk moskene ai recettori degli estrogeni in entrambe le specie. Tuttavia, vi era un legame competitivo dei recettori degli estrogeni da parte di tre dei derivati, 4-NH 2 -musk xylene, 2-NH2- creme xilene e 2-NH 2- chutone chetone, in entrambe le specie dopo l'esposizione alle sostanze chimiche per 20 ore a concentrazioni di 10-6 a 10 -3 M nei terreni circostanti, che è ben al di sopra dei livelli di rilevanza ambientale. L'affinità di legame di questi derivati ​​era fino a 375 volte inferiore all'estradiolo e fino a 150 volte inferiore rispetto al bisfenolo A [ 36 ].

Bitsch et al. [ 37] ha condotto un'analisi su schermo E per rilevare l'attività estrogenica utilizzando cellule di carcinoma mammario MCF-7 umane esposte a 10 mmoli di xilofumo o muschio chetone per litro di sostanza di prova o 5 mmoli di altri derivati ​​del nitro muschio per litro di terreno circostante. L'attività estrogenica è stata confermata da un significativo aumento della proliferazione delle cellule di cancro al seno umano del 29% per il musk xilene, del 97% per il musk chetone e del 29% per il p-ammino-muschio-xilene (un derivato di muschio xilene) rispetto a il controllo negativo. Questa maggiore proliferazione fu sradicata quando i muschi furono aggiunti in presenza di 1 umol / L di tamoxifene, un farmaco anti-estrogenico, che indicava che gli effetti muschiati erano mediati, almeno in parte dal recettore degli estrogeni. Tuttavia, la potenza relativa di proliferazione dei muschi di nitro in questo test era di circa 30,

Una maggiore preoccupazione per i potenziali effetti cancerogeni dei muschi di nitro è stata sollevata da uno studio di Maekawa et al. [ 38 ], che ha scoperto che i topi nutriti con alimenti contenenti lo 0,075% o lo 0,15% di muschio xilene avevano fino a tre volte più tumori all'ispezione post-mortem rispetto ai topi di controllo. Gli studi di carcinogenesi dopo lo studio di Maekawa si sono concentrati sull'esame se tali sostanze chimiche erano genotossiche. Diversi studi che hanno utilizzato vari test per la genotossicità nei ratti, cellule PQ27 di E. coli, linfociti umani e linee cellulari di epatoma umano hanno indicato che i muschi di nitro non erano genotossici [ 39 , 40 , 41 ]. Questi risultati implicavano che esistevano altri processi che si verificano in vivo per promuovere la genesi del tumore.

Un potenziale percorso per spiegare questo aumento della genesi del tumore dopo l'esposizione ai muschi di nitro è che potrebbe essere il risultato dell'interazione di muschi nitro con altre tossine per aumentare la potenza di noti agenti genotossici. Utilizzando il test di genotossicità di E. coli come indicatore del danno al DNA, il musk chetone, ma non il muschio xilene, ha mostrato di aumentare la tossicità del benzo-a-pirene, del 2-amminoantracene e dell'aflotossina B1 nei ratti quando esposti a livelli superiori a 10 mg di musk chetone al giorno [ 42]. Ciò è stato confermato utilizzando un test micro nucleo su cellule di Hep G2 di derivazione umana esposte al chetone musk. Quando le cellule Hep G2 sono state esposte a 5-5000 ng / l di musk chetone e 0,2 ug / ml di benzo-a-pirene, non si sono verificate interazioni biologiche. Tuttavia, quando le cellule esposte al muschio chetone 28 ore prima dell'aggiunta del benzo-a-pirene, vi era un effetto sinergico che mostrava un aumento degli effetti genotossici dell'esposizione al benzo-a-pirene [ 43]. L'effetto potenziato del benzo-a-pirene dopo l'esposizione al muschio chetone può essere spiegato dalla capacità del muschio chetone e del muschio xilene, iniettati individualmente, di indurre la produzione di CYP-4501A2, CYP-4501A3 e CYP-450IB2 che è stato iniziato quando i ratti sono stati iniettati a dosi a partire da 10 mg di ciascun muschio per kg di peso corporeo. Questi enzimi sono prodotti in risposta all'esposizione agli xenobiotici al fine di ridurre o ossidare le sostanze chimiche nel corpo. Questa risposta è di solito benefica, ma a volte può avere effetti deleteri se lo xenobiotico diventa più reattivo dopo la sua trasformazione [ 44 , 45 ]. Al contrario, Schnell et al. [ 46] hanno riscontrato che sia il muschio xilene che il muschio chetone inibiscono i processi catalitici del CYP4501A nella carpa, suggerendo che l'interazione del muschio nitrico con CYP450 è verosimilmente specifica per le specie [ 44 , 45 ].

Un altro percorso per la promozione della genesi dei tumori è stato proposto da Luckenbach ed Epel [ 47 ]. Hanno scoperto che il muschio xilene e il muschio chetone possono inibire l'efficacia dei trasportatori di effluenti multidrug in cozze marine. Una delle principali conseguenze di questa inibizione è la perdita della capacità della cellula di rimuovere gli xenobiotici, compresi i cancerogeni noti, permettendo loro di rimanere nella cellula più a lungo. Gli effetti di un'esposizione a 2 ore di muschi sintetici hanno richiesto tra 24 e 48 ore per essere invertiti.

Risultati di salute
È stato condotto uno studio sul controllo dei casi che ha valutato possibili esiti di salute associati all'esposizione al muschio di nitro. Questo studio di Eisenhardt et al. [ 14] ha analizzato l'associazione tra livelli ematici di muschio chetone e muschio xilene e problemi endocrini e ginecologici nelle donne in premenopausa in una clinica ambulatoriale endocrinologica. Hanno scoperto che le donne che presentavano la sindrome premestruale avevano in media 24 ng di musk chetone per litro di sangue più alte rispetto alle donne che non presentavano la sindrome premestruale (p = 0,014). Hanno anche scoperto che i livelli di xilene muschiato erano inversamente associati ai livelli degli ormoni della fase luteinica, del progesterone e dell'estrogeno (p = 0,08). Le donne che si presentavano sterili avevano 23,5 ng / L di livelli sierici più alti di muschio xilene rispetto a quelli che erano già state incinte una volta (p = 0,045). Tuttavia, dato che i muschi di nitro sono lipofili, i livelli inferiori di muschio xilene nelle donne fertili possono essere spiegati con l'eliminazione del muschio di nitro attraverso l'allattamento.

Conclusione
L'uso di modelli animali e studi di laboratorio è importante per il processo di valutazione del rischio. Tuttavia, può essere difficile estrapolare come questi studi si applicano alle esposizioni quotidiane tipiche degli esseri umani. Le concentrazioni di esposizione dei muschi nitro nei vari modelli animali sopra indicati variavano da 1 μl / L a 5000 μl / L. Considerando che i muschi di nitro sono stati trovati in sistemi acquatici a concentrazioni più basse e che gli esseri umani hanno una massa corporea significativamente maggiore rispetto agli animali studiati, gli studi potrebbero non essere applicabili all'esposizione al nitro-muschio umano. Allo stesso tempo, molti di questi studi sugli animali hanno comportato esposizioni di breve durata. Anche se l'esposizione umana è probabile a dosi più basse, è probabile che sia anche a lungo termine. Gli studi sugli animali non affrontano questo scenario di esposizione.

Il corpo della letteratura sostiene che non solo siamo esposti ai muschi di nitro, ma stiamo anche bioaccumulandoli e trasmettendoli alla nostra prole attraverso il latte materno e le esposizioni perinatali. Mentre gli studi sugli animali non affrontano effetti a lungo termine a basso dosaggio, indicano che una particolare area di interesse per i risultati di salute derivanti dall'esposizione al muschio nitrico dovrebbe essere la genesi e il cancro del tumore. Mentre gli studi sugli animali erano in conflitto per potenziali effetti sullo sviluppo, questa mancanza di accordo indica che occorre fare più ricerca in questo campo. Effetti endocrini umani sono stati osservati per esposizioni di muschio di nitro; questo indica che devono essere fatti più studi negli animali e nell'uomo a livelli di esposizione rilevanti dal punto di vista ambientale. Alla luce delle prove, il principio di precauzione dovrebbe essere preso in considerazione."


"Gli uomini discutono, la Natura agisce." (Voltaire)

Tags:

Rispondi

Torna a “Ingredienti da evitare INCI dannosi”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite