Obbligo indicazione origine derivati del Pomodoro

Tutto quello che può interessare sapere sulle sane abitudini alimentari, lo stile di vita e la salute.
Rispondi
Avatar utente
greensoul
Sostenitore Senior
Messaggi: 497
Iscritto il: 16/02/2016, 5:07
Contatta:

Obbligo indicazione origine derivati del Pomodoro

Messaggio da greensoul » 29/08/2018, 2:37

Dal 27/08/18 entra in vigore il Decreto interministeriale pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 47 del 26 febbraio 2018, il quale obbliga l'indicazione di origine nei derivati del pomodoro: salse, pelati, sughi, concentrati, ecc... che siano composti dal almeno il 50% da pomodori.

Sull'etichetta sarà riportata la dicitura: "Origine del pomodoro: Italia". Inoltre - proprio come per latte, pasta e riso - le confezioni dovranno indicare il paese dove viene coltivato il pomodoro e quello dove viene trasformato.
Se queste fasi avvengono nel territorio di più Paesi possono essere utilizzate, a seconda della provenienza, le seguenti diciture: Paesi Ue, Paesi non Ue, Paesi Ue e non Ue. Per consentire lo smaltimento delle scorte, i prodotti che non soddisfano i requisiti previsti dal decreto, perchè immessi sul mercati sul mercato o etichettati prima dell'entrata in vigore del provvedimento, possono essere commercializzati entro il termine di conservazione previsto in etichetta.
(Fonte notizia web tg24.sky.it)


Riportiamo le principali novità tratte dal sito del Ministero delle Politiche Agricole Alimentari (Mipaaf):
Origine_pomodoro_etichetta_mipaaf.jpg
LE NOVITÀ DEL DECRETO

Il provvedimento prevede che le confezioni di derivati del pomodoro, sughi e salse prodotte in Italia dovranno avere obbligatoriamente indicate in etichetta le seguenti diciture:

a) Paese di coltivazione del pomodoro: nome del Paese nel quale il pomodoro viene coltivato;

b) Paese di trasformazione del pomodoro: nome del paese in cui il pomodoro è stato trasformato.

Se queste fasi avvengono nel territorio di più Paesi possono essere utilizzate, a seconda della provenienza, le seguenti diciture: Paesi UE, Paesi NON UE, Paesi UE E NON UE.

Se tutte le operazioni avvengono nel nostro Paese si può utilizzare la dicitura "Origine del pomodoro: Italia".

ORIGINE VISIBILE IN ETICHETTA

Le indicazioni sull'origine dovranno essere apposte in etichetta in un punto evidente e nello stesso campo visivo in modo da essere facilmente riconoscibili, chiaramente leggibili ed indelebili.

I provvedimenti prevedono una fase per l'adeguamento delle aziende al nuovo sistema e lo smaltimento completo delle etichette e confezioni già prodotte.

(Fonte notizia: Mipaaf)



Tags:

Rispondi

Torna a “Cibo, Salute e Stili di vita”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti