PPD e Toluene-2,5 Diamine Sulfate: qual'è la differenza?

Rispondi
Avatar utente
Bioeco
Amministratore
Messaggi: 290
Iscritto il: 03/02/2016, 20:49
Contatta:

PPD e Toluene-2,5 Diamine Sulfate: qual'è la differenza?

Messaggio da Bioeco » 20/12/2017, 5:18

Qual è la differenza tra PPD, solfato di diammine Toluene-2,5 e fenilendiamine?

Se stai cercando di passare a un prodotto per capelli più naturale e più sicuro, è probabile che si incontrino riferimenti al composto chimico p-fenilendiammina (spesso abbreviato PPD). Il PPD è comunemente usato in molte formule tradizionali e "naturali" per i capelli. È anche la causa principale delle reazioni allergiche nella colorazione dei capelli.

Le colorazioni semipermanenti e permanenti dei capelli usano solitamente p-fenilendiammina (PPD) o Toluene-2,5 Diamine solfato per attivare i pigmenti coloranti. Sebbene funzionino più o meno allo stesso modo, la PPD è un ingrediente più aggressivo. Alcune fomule di colore naturale per capelli contengono PPD, ma a livelli ridotti.

Ciò non significa che le persone non possano essere allergiche al solfato di diammine del toluene-2,5. Gli individui possono essere allergici o potenzialmente reagire a tutti i tipi di ingredienti naturali o chimici. Questo è il motivo per cui le aziende del colore dei capelli consigliano a tutti di eseguire un test di sensibilità prima di utilizzare una colorazione per capelli. Alcune persone non hanno alcun problema con i livelli più bassi di PPD presenti in alcune formule naturali, ma generalmente il numero di persone che hanno una reazione con il solfato di diammine di Toluene-2,5 è inferiore a quello di PPD.

Denominazione

La confusione sorge occasionalmente quando le formule naturali per la tintura dei capelli contengono spesso un numero di composti con lo stesso nome. Sia il PPD sia il solfato di diammine Toluene-2,5 appartengono alla stessa famiglia di ingredienti: le fenilendiamine. Poiché questi ingredienti correlati appartengono alla stessa famiglia chimica, la direttiva europea sui cosmetici ha l'obbligo di elencare il testo di avvertenza ufficiale "contiene fenilendiammine" sugli imballaggi per la vendita al dettaglio. I prodotti naturali per i capelli che non contengono PPD possono ancora avere le fenilendiamine nei loro ingredienti; tuttavia, non contengono 'p-fenilendiammina'.

Nessun colorante permanente per capelli è completamente privo di sostanze chimiche. La maggior parte delle sostanze chimiche sono state sostituite con ingredienti naturali e oli naturali, fornendo alternative molto più sicure alle tinture per capelli convenzionali. I produttori e i rivenditori non sono in grado di prevedere in che modo un singolo individuo potrebbe reagire agli ingredienti: alcune persone potrebbero ancora avere reazioni.
Prima di colorare i capelli, i patch test sono sempre consigliati.

(Bibliografia - articolo tradotto dal sito: avivahealth.com/article.asp?articleid=354)

A questo link un post sul PPD P-fenilendiammina nelle tinture per capelli


"Gli uomini discutono, la Natura agisce." (Voltaire)

Tags:

Rispondi

Torna a “Ingredienti da evitare INCI dannosi”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti