Acido jaluronico: che cos'è, funziona davvero nei cosmetici?

Come e cosa scegliere: informazioni utili e novità nel settore dei prodotti di cosmesi, detergenti e benessere.
Rispondi
Avatar utente
Bioeco
Amministratore
Messaggi: 296
Iscritto il: 03/02/2016, 20:49
Contatta:

Acido jaluronico: che cos'è, funziona davvero nei cosmetici?

Messaggio da Bioeco » 27/03/2017, 20:20

Acido_ialuronico.png
Acido_ialuronico.png (89.42 KiB) Visto 994 volte
Che cos'è l'acido jaluronico?

L'acido jaluronico chimicamente classificato come un glicosaminoglicano, è un polisaccaride lineare ad alto peso molecolare, composto da una concatenazione di unità disaccaridiche, queste ultime formate da due zuccheri semplici: l'acido glicuronico (derivato dal glucosio) e la N-acetilglucosamina.
l'Acido Jaluronico è conosciuto anche con le denominazioni di "Sodio Ialuronato" o "Sodio Jaluronato" ed è indicato nella nomenclatura INCI con: Sodium Hyaluronate.
Le sostanze che compongono l'acido jaluronico sono completamente ionizzate e lo rendono un composto ad elevata polarità e di conseguenza ad alta solubilità in acqua. Per questa sua proprietà l'acido ialuronico si lega con molte molecole di acqua.

L'acido ialuronico è sintetizzato dai fibroblasti, particolari cellule del tessuto connettivo che producono anche il collagene e l’elastina. Essendo uno dei componenti fondamentali del tessuto connettivo la sua mancanza determina una predisposizione della pelle a rughe e rilassamento cutaneo, infatti l'acido ialuronico ha la proprietà di trattenere l'acqua all'interno delle cellule e mantenere l'idratazione della pelle.

Oltre a mantenere idratata la pelle, l'acido ialuronico stimolando la formazione di collagene e tessuto connettivo contribuisce a proteggere l'organismo da agenti esterni (fra i quali virus e batteri) ed aumenta l'elasticità e la morbidezza dei tessuti.

La presenza di acido jaluronico all'interno del tessuto connettivo cutaneo diminuisce con l'età e questo determina il progressivo invecchiamento cutaneo.

Per tali ragioni nell'industria cosmetica si fa un grande utilizzo di questo elemento sia in concentrazioni più o meno pure, sia come ingrediente aggiunto in creme e sieri.

acido_jaluronico_pelle.jpg
acido_jaluronico_pelle.jpg (46.79 KiB) Visto 984 volte

L'acido jaluronico in cosmesi funziona davvero?

L’acido ialuronico viene prodotto industrialmente da colture batteriche per l'uso in cosmesi e in estetica.

Nell'impiego attuale si ha l'acido ialuronico ad alto peso molecolare e quello a basso peso molecolare.
La differenza fra i due sta nella capacità di assorbimento cutaneo: quello ad alto peso molecolare ha maggiormente una funzione filmogena perché si lega allo strato corneo superficiale per dare un effetto tensore e protettivo, impedendo la disidratazione; quello a basso peso molecolare dovrebbe agire più in profondità perché l'assorbimento dovrebbe avvenire negli strati più profondi della pelle, il ché permetterebbe di stimolare la produzione di collagene.

Dire che l'acido jaluronico ad alto peso molecolare non penetri non è del tutto corretto, è meglio precisare che più alto è il peso molecolare (ovvero sopra i 500 dalton) e meno prodotto può penetrare e in un maggior lasso di tempo.

Vi è poi l'acido ialuronico a medio peso molecolare che agisce in sinergia con le altre molecole (a basso e alto peso molecolare) per completarne l'azione.

Ma c'è da chiedersi quanta percentuale reale di acido jaluronico può essere contenuta in un cosmetico: l'acido jaluronico è molto concentrato e puro si presenta in forma cristallizzata, viene venduto in polvere. Un cosmetico non potrebbe avere una concentrazione del 20% o superiore perché l'acido jaluronico non sarebbe utilizzabile allo scopo di produrre una crema o un siero applicabili alla pelle in quanto il prodotto diventerebbe così denso da non poter essere spalmato.
Pertanto i cosmetici che contengono acido jaluronico avranno basse percentuali, questo porta ad un assorbimento minimo del principio attivo e se si considera che la pelle ne contiene già naturalmente dosi molto elevate, l'introduzione di acido jaluronico attraverso una crema è molto illusorio e l'azione non può che essere palliativa.

Ci sono ancora studi contraddittori sulla questione che l'acido jaluronico a basso peso molecolare riesca invece a penetrare. Dai test risulterebbe che applicando grandi concentrazioni di acido ialuronico a basso peso molecolare qualcosa riesca a penetrare.

Rimane il fatto che i cosmetici contengono davvero bassissime concentrazioni di acido jaluronico e i più validi potrebbero essere quelli che ne contengono almeno 1-2% reale. L'applicazione di creme con acido jaluronico può certamente regalare un'azione idratante superficiale, ma non si può avere l'effetto filling (riempitivo) promesso da molti cosmetici pubblicizzati. Il filling vero e proprio è quello che si effettua con le iniezioni.

Vi è poi qualche studio da approfondire sul reale beneficio di penetrazione dell'acido jaluronico, in quanto anche eccedere con l'introduzione attraverso filler potrebbe avere delle controindicazioni.
Strati_dell_epidermide.jpg
Strati_dell_epidermide.jpg (110.61 KiB) Visto 982 volte

Altre forme di inoculazione dell'acido jaluronico

Oltre che nelle creme, l'acido jaluronico è disponibile in:

– Microsfere;

– liposomi;

– tecnica di bio-rivitalizzazione transdermica;

– acido ialuronico “cross-linked”.

Conclusioni

Si può utilizzare l'acido jaluronico come prodotto cosmetico per aiutare a mantenere l'idratazione superficiale della pelle e per quella minima parte che può penetrare può essere un beneficio. Diffidare dei prodotti che indicano contenuti di alte percentuali di acido jaluronico perché in realtà si riferiscono a "complessi" di acido jaluronico (acido jaluronico + altri ingredienti) e non ad una concentrazione pura.

Il gel all'acido jaluronico può anche essere prodotto in casa con una semplice ricetta "fai da te" così da essere sicuri degli ingredienti utilizzati e di avere una concentrazione utile almeno all'1%. Ecco la ricetta: Gel all'acido jaluronico 1% fai da te


"Gli uomini discutono, la Natura agisce." (Voltaire)

Tags:

Rispondi

Torna a “Cosmesi e detergenza ... cosa scegliere”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti