Classi energetiche elettrodomestici: cosa significano le etichette

Rispondi
Avatar utente
NaturAthanor
Utente registrato
Messaggi: 65
Iscritto il: 09/02/2016, 5:05
Contatta:

Classi energetiche elettrodomestici: cosa significano le etichette

Messaggio da NaturAthanor » 20/02/2017, 2:58

Scrivo questo post per fare chiarezza sulle etichette delle classi energetiche degli elettrodomestici.
Parto dalla spiegazione di cosa sia la classe di consumo energetica, così come la riporta Wikipedia.

"La classe di consumo energetico, detta anche classe di efficienza energetica, è una suddivisione della scala di consumi elettrici degli elettrodomestici normata dall'Unione europea. Essa indica appunto i consumi annuali espressi in kWh di un elettrodomestico tramite lettere dalla A+++ alla G. Le fasce di consumo corrispondenti a una classe variano a seconda del tipo di elettrodomestico. Essa dunque valuta la misura dell'efficienza energetica dell'elettrodomestico.

L'effettivo consumo energetico nell'uso pratico quotidiano, spesso si discosta dal consumo teorico, a causa delle differenti condizioni di utilizzo reali, rispetto a quelle di laboratorio; in conseguenza di ciò, spesso il consumo energetico riscontrato praticamente, risulta essere più elevato di quello riportato nelle etichette."

Classi_consumo_energetico_elettrodomestici.jpg
Quando si deve scegliere un elettrodomestico si pensa che più alta sia la classe e migliore è la resa in fatto di consumi, ma ci sono scelte differenti in base al tipo di elettrodomestico.

C'è un sito eurotopten.it che si occupa di dare informazioni sugli elettrodomestici con resa migliore valutando diversi parametri fra cui il consumo di energia e acqua, il rispetto per l'ambiente, la funzionalità, la qualità.

Dal sito eurotopten.it ho estrapolato questo schema di indicazione della classe energetica migliore per ogni tipologia di elettrodomestico.
Etichette_Classi_Energetiche_Elettrodomestici.jpg
Per esempio per un frigorifero la classe migliore è sempre la A+++ in considerazione della misurazione dei consumi in 15 anni di utilizzo, in cui si è potuto verificare che con frigoriferi di classe A+++ il consumo risulta quasi dimezzato rispetto a frigoriferi di classe A+ o A++.

In altri casi, come per gli aspirapolveri o i televisori e i forni, le classi migliori che si possono trovare sono le A o le A+.

Per la scelta di una lavatrice invece nell'etichetta bisogna valutare anche altri parametri come la qualità del lavaggio (indice di performance) e l'efficienza dell’asciugatura (percentuale di acqua che rimane dopo la centrifuga); le classi di questi parametri vanno dalla A alla G.
La classe di efficienza energetica nel caso della lavatrice si riferisce all'energia consumata (in kWh) per ogni kg di bucato.

Sull'etichetta della lavatrice è indicato anche il consumo di acqua in litri per ogni lavaggio e il livello di rumorosità.

Quindi per l'acquisto di una lavatrice si dovranno considerare più dati, preferendo i modelli con velocità di centrifuga regolabile e partenza ritardata così da poter impostare gli orari di inizio lavaggio nelle ore a maggior risparmio energetico. Altro importante requisito è la possibilità di collegare la lavatrice all'acqua calda per risparmiare il riscaldamento che fa la stessa lavatrice.

Gli stessi parametri di valutazione vanno considerati anche nel caso di una lavastoviglie per quanto riguarda efficienza del lavaggio e asciugatura, consumo di acqua e di energia, rumorosità.

Dal 2017 ci sono nuovi standard che entrano in vigore con la normativa Ecodesign e riguardano le lavastoviglie, i piani cottura, le TV e i climatizzatori, in particolare:
- per le lavastoviglie: a partire dal 2017 tutti i modelli dagli 8 coperti in su devono essere almeno in classe di efficienza energetica A+. Questo significa che la classe A+ diventa il nuovo standard minimo per le lavastoviglie da 8 coperti in su. Per i modelli più piccoli, la classe peggiore consentita rimane la A;

- per i piani cottura: a partire da febbraio 2017 il consumo energetico dei piani cottura elettrici non potrà superare i 200 Wh/kg, mentre quello dei piani cottura a gas non potrà superare i 54 Wh/kg.

- per le TV e i climatizzatori: per queste due categorie cambia leggermente l'etichetta energetica, d'ora in poi dovrà mostrare le classi da A++ ad E, mentre prima era consentito mostrare un'etichetta con la scala da A+ a F.
(Informazioni tratte dal sito: eurotopten.it)
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.


"Pensa agendo ed agisci pensando."

Tags:

Rispondi

Torna a “Nuove soluzioni ecosostenibili”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti