Ciliegie: proprietà nutritive, benefici, controindicazioni

Tutto quello che c'è da sapere sui valori nutritivi e i benefici degli alimenti.
Regole del forum
Immagine Immagine
Rispondi
Avatar utente
greensoul
Sostenitore Senior
Messaggi: 561
Iscritto il: 16/02/2016, 5:07
Contatta:

Ciliegie: proprietà nutritive, benefici, controindicazioni

Messaggio da greensoul » 09/06/2017, 22:09

Ciliegie_proprietà_controindicazioni.jpg
Ciliegie_proprietà_controindicazioni.jpg (72.97 KiB) Visto 813 volte

Le ciliegie sono i frutti del Prunus avium, un albero della famiglia delle Rosacee che può raggiungere i 30mt di altezza; in primavera si ricopre di bellissimi fiori rosa che vengono usati anche in cosmetica e in profumeria.

I frutti si possono gustare da maggio a luglio.

La ciliegia è un frutto presente nel Mediterraneo da circa 3000 anni; le prime origini si fanno risalire all'Asia e all'Egitto.

Esistono due varianti, le dolci e le acide: le dolci si dividono due sottofamiglie duracine e le tenerine;
la variante acida ha tre sottofamiglie, le marasche, le amarene e le visciole.

Le ciliegie sono uno dei frutti dalle molte proprietà benefiche.


Valori nutrizionali e composizione

100g di ciliegie contengono:
  • - calorie Kcal 38 (158kj);
    - carboidrati 16g;
    - - - di cui zuccheri 13g (che comprendono glucosio, fruttosio, galattosio, maltosio e saccarosio);
    - fibre 2g;
    - proteine 1g;
    - grassi 0,2g;
    - sodio 3mg;
Le ciliegie sono composte dall’80 % di acqua, da molti minerali e vitamine quali:
  • - potassio;
    - fosforo;
    - calcio;
    - ferro;
    - zinco;
    - rame;
    - fluoro;
    - magnesio.
  • - Vitamina A;
    - vitamine B1, B2, B3, B5, B6;
    - vitamina C;
    - vitamina E;
    - vitamina K;
    - vitamina J.

Nelle ciliegie si trovano anche i seguenti aminoacidi:
acido aspartico e glutammico, alanina, arginina, cistina, fenilalanina, glicina, isoleucina, istidina, leucina, lisina, metionina, prolina, serina, tirosina, treonina, triptofano e valina.

Inoltre contengono flavonoidi preziosi contro i radicali liberi e nel contrastare l'invecchiamento cellulare, nonché utile per il controllo dei valori di colesterolo nel sangue.

Le ciliegie sono un frutto con basso indice glicemico e indicato per le diete dimagranti, tuttavia per i diabetici non sono il frutto più adatto anche se all'interno di un regime alimentare controllato sono permesse senza superare certe dosi.

La loro peculiarità è nell'alto contenuto di vitamina K utile nella coagulazione del sangue.
Altra particolarità è il contenuto di alcool perilico, una sostanza che sembra avere un ruolo contro la formazione di alcuni tipi di tumore (seno, pelle e stomaco).

Le ciliegie contengono sorbitolo, che insieme alle altre proprietà, rende questo frutto ad alto potere diuretico, lassativo e disintossicante per il fegato.


Benefici delle ciliegie


Proprietà benefiche sulla pelle

I flavonoidi polifenoli e le antocianine, in combinazione con vitamina A e C presenti nelle ciliegie, stimola la produzione di collagene nella pelle ed hanno effetto antinfiammatorio. La ciliegia è un frutto alleato della bellezza poiché favorisce la tonicità e l'elasticità della pelle.


Effetti sull'abbronzatura

I sali minerali e i caroteni contenuti nelle ciliegie preparano la pelle all'abbronzatura e ne permettono un migliore risultato.


Benefici per gli occhi

Per la presenza di vitamina A (retinolo) e per l'elevato contenuto di antiossidanti, le ciliegie sono di grande beneficio per la salute degli occhi e della retina. Contrastano anche infezioni e infiammazioni. Sono un aiuto nella prevenzione di cataratta e degenerazione maculare.


Effetti sul colesterolo

Le ciliegie sono un alimento utile contro colesterolo perché agiscono positivamente sul sistema cardiocircolatorio e riducono lo stress ossidativo.


Effetti sulla pressione sanguigna

La presenza di potassio aiuta la regolazione sanguigna. Le ciliegie sono pertanto indicata per chi soffre di pressione alta.


Effetti contro la stitichezza

Per l'elevato potere diuretico e lassativo sono molto utili a chi soffre di stipsi e cattiva digestione. Le fibre contenute aiutano l'evacuazione e il sorbitolo favorisce l'eliminazione delle scorie.


Azione sui cicli sonno-veglia

Le ciliegie favoriscono la produzione della melatonina l'ormone che regola il ciclo del sonno-veglia. Sono un buon cibo da consumare la sera.


Gotta
La gotta è una malattia dovuta ad un eccesso di acido urico nel sangue che provoca sintomi come gonfiore, dolore e infiammazione. Il consumo di 100g di ciliegie al giorno riduce la concentrazione di acido urico del 10-15%.


:idea: Della ciliegia non si butta via niente!

Anche i gambi delle ciliegie possono essere sfruttati per le loro proprietà depurative di reni e fegato, infatti con i gambi essiccati si possono preparare delle ottime tisane che aiutano ad eliminare gli acidi urici dal corpo.

La ciliegia oltre che per i suoi benefici alimentari, è utile anche per i suoi noccioli che possono essere sfruttati per la preparazione di cuscinetti adatti contro i dolori di artrosi, cervicali, torcicollo e dolori addominali. Infatti i noccioli di ciliegia possiedono un'elevata capacità di trattenere il calore e diventano un utile e naturale accessorio per il trattamento di tanti malanni. La capacità di trattenere calore è dovuta alla conformazione del nocciolo che all'interno ha una camera d'aria che raccoglie il caldo e lo rilascia gradualmente.
Si tratta di un antico rimedio molto valido e conosciuto nelle tradizioni popolari tirolesi e sudtirolesi.


Tisana con gambi di ciliegie

Si porta ad ebollizione 300ml di acqua e si versano una manciata di gambi di ciliegie essiccati. Si lasciano in infuso per almeno 10 minuti, si passano poi in un colino e si può sorseggiare la tisana.

Decotto con piccioli e gambi di ciliegia

Portare ad ebollizione 1/2 litro di acqua, versare 15 piccioli e una manciata di gambi di ciliege. Appena raffreddato immergere un batuffolo di cotone e tamponare la pelle infiammata o screpolata.

Controindicazioni

Le ciliegie sono controindicate in caso di:
- colite perché le fibre provocano gonfiore e possono dare irritazione;
- diarrea perché il sorbitolo contenuto stimola l'evacuazione;
- allergie perché le ciliegie sono un alimento allergizzante e va evitato l'abuso in persone predisposte a intolleranze e allergie e nei bambini al di sotto dei 2 anni;
- pressione bassa.



Tags:

Rispondi

Torna a “Alimenti e proprietà nutrizionali”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite