Nanoparticelle nei filtri solari

Come e cosa scegliere: informazioni utili e novità nel settore dei prodotti di cosmesi, detergenti e benessere.
Rispondi
Avatar utente
Amelia
Sostenitore attivo
Messaggi: 139
Iscritto il: 15/01/2018, 21:07
Contatta:

Nanoparticelle nei filtri solari

Messaggio da Amelia » 17/07/2018, 20:36

Articolo tradotto da ewg.org/sunscreen/report/nanoparticles-in-sunscreen/#.W04qZNUzbIU

I filtri solari realizzati con ossido di zinco e biossido di titanio generalmente danno ottimi punteggi nelle valutazioni di EWG perché:
  • Offrono una forte protezione solare con pochi problemi di salute;
  • Sono stabili al sole; e
  • L'ossido di zinco offre una buona protezione dai raggi UVA. La protezione dell'ossido di titanio non è così forte, ma è migliore della maggior parte degli altri principi attivi.


Le nanoparticelle nei filtri solari americani sono biossido di titanio o ossido di zinco.

L'ossido di zinco è la prima scelta di EWG per la protezione solare. È stabile alla luce del sole e può fornire una protezione maggiore dai raggi UVA rispetto all'ossido di titanio o qualsiasi altra sostanza chimica per la protezione solare approvata per l'uso negli Stati Uniti. Anni fa, i filtri solari all'ossido di zinco, spesso visti sui nasi dei bagnini, erano notoriamente bianchi e gessosi. Oggi, i produttori di creme solari utilizzano nanoparticelle di ossido di zinco per formulare lozioni con meno tinta bianca.

Un certo numero di aziende vendono prodotti pubblicizzati come contenenti biossido di titanio "non nano" e ossido di zinco. Queste affermazioni sono generalmente fuorvianti. Mentre le dimensioni delle particelle variano tra i produttori, quasi tutti sarebbero considerati nanomateriali sotto una definizione ampia del termine, compresa la definizione proposta nel 2011 dalla FDA 2011b). Ad esempio, Antaria, un fornitore popolare di ossido di zinco, inizialmente ha affermato che stava vendendo un modulo "non-nano" ai produttori di filtri solari. Ma sotto la pressione di Friends of the Earth Australia, ha riconosciuto che il suo ossido di zinco sarebbe considerato un nanomateriale che richiede un'etichettatura speciale in Europa (Antaria 2012, Friends of the Earth 2012). C'è ancora meno disputa sul biossido di titanio. Secondo le informazioni disponibili,

L'uso di nanoparticelle nei cosmetici pone una sfida normativa perché le proprietà delle nanoparticelle possono variare enormemente, a seconda delle loro dimensioni, forma, superficie e rivestimenti. Non sappiamo tutto ciò che vorremmo sapere sulle loro prestazioni perché i produttori non sono tenuti a rivelare le qualità delle particelle utilizzate nei loro filtri solari.

Più ricerca e linee guida più specifiche della FDA sono essenziali per ridurre il rischio e massimizzare la protezione solare dei filtri solari minerali. Eppure, anche con le incertezze esistenti, crediamo che l'ossido di zinco e il biossido di titanio siano tra le migliori scelte sul mercato americano.

Ecco perché:

  • La forma e le dimensioni delle particelle influenzano la protezione solare. Più piccoli sono, migliore è la protezione SPF e peggio la protezione UVA. I produttori devono trovare un equilibrio: le piccole particelle forniscono una maggiore trasparenza, ma le particelle più grandi offrono una maggiore protezione UVA. La forma dell'ossido di zinco più spesso utilizzata nelle creme solari è più grande e fornisce una protezione UVA maggiore rispetto ai prodotti di biossido di titanio che appaiono chiari sulla pelle.

  • Le nanoparticelle nella crema solare non penetrano nella pelle. Alcuni studi indicano che le nanoparticelle possono danneggiare le cellule e gli organi viventi quando vengono somministrate in grandi dosi. Ma un gran numero di studi non ha prodotto alcuna prova che le nanoparticelle di ossido di zinco possano attraversare la pelle in quantità significative (SCCS 2012). Uno studio del mondo reale ha testato la penetrazione di particelle di ossido di zinco di 19 e 110 nanometri su volontari umani che hanno applicato filtri solari due volte al giorno per cinque giorni (Gulson 2010). I ricercatori hanno scoperto che meno dello 0,01% di entrambe le forme di zinco è entrato nel flusso sanguigno. Lo studio non ha potuto determinare se lo zinco nel sangue fosse costituito da nanoparticelle insolubili, pertanto i regolatori europei hanno concluso che era molto probabile che si trattasse di ioni di zinco, che non comporterebbe alcun rischio per la salute (SCCS 2012). Altri studi sponsorizzati dalla FDA e dall'Unione Europea hanno concluso che le nanoparticelle non penetrano nella pelle (NanoDerm 2007).

  • È improbabile che le nanoparticelle in crema solare causino danni alla pelle se energizzate dalla luce solare. Il biossido di titanio e, in misura minore, l'ossido di zinco, sono fotocatalizzatori, il che significa che quando sono esposti a radiazioni UV possono formare radicali liberi che danneggiano le cellule circostanti. Le dimensioni delle nanoparticelle di questi minerali sono più influenzate dai raggi UV rispetto alle particelle più grandi.


I produttori di schermi solari utilizzano comunemente rivestimenti superficiali che possono ridurre drasticamente il potenziale di fotoattività, con dati che suggeriscono che riducono la reattività UV fino al 99 percento (SCCNFP 2000, Pan 2009). Nelle creme solari, possono sorgere problemi se le particelle non sono trattate con rivestimenti inerti, se i rivestimenti non sono stabili, o se i produttori utilizzano forme di ossido di zinco o biossido di titanio che non sono ottimizzate per la stabilità e la protezione solare. Tuttavia, test di pelle viva da volontari umani e test su animali suggeriscono che questi pericoli non sono una preoccupazione per la sicurezza umana perché i radicali liberi che sono generati dalle nanoparticelle sulla pelle sono estinti dalle protezioni antiossidanti della pelle (Popov 2009, Osmond 2010).

Le informazioni fornite dai fornitori suggeriscono che i formulatori statunitensi di creme solari impiegano generalmente le forme appropriate di ossido di zinco e biossido di titanio nei loro prodotti. Studi recenti di altri paesi indicano che i produttori non utilizzano sempre minerali di protezione solare (Barker 2008, Friends of the Earth 2012). Poiché i produttori non sono tenuti a rendere pubbliche queste informazioni, l'entità di questi problemi è difficile da valutare. L'Unione europea ha esaminato 15 tipi di biossido di titanio rivestito in crema solare e ha concluso che i produttori potrebbero utilizzare una di queste forme nei loro prodotti (SCCS 2013b). Hanno specificato che saranno consentiti anche altri tipi, a condizione che i produttori possano fornire dati che dimostrino la loro sicurezza. Per i filtri solari all'ossido di zinco, sono ammesse sia le particelle rivestite che quelle non rivestite (SCCS 2014).

  • Le nanoparticelle potrebbero causare danni ai polmoni quando inalate. L'inalazione di nanoparticelle è pericolosa per molte ragioni. EWG scoraggia fortemente l'uso di trucco in polvere sciolto o spray solari utilizzando il biossido di titanio o l'ossido di zinco di qualsiasi dimensione delle particelle.


L'Agenzia internazionale per la ricerca sugli agenti cancerogeni ha classificato il biossido di titanio come possibile cancerogeno se inalato a grandi dosi (IARC 2006b). I polmoni hanno difficoltà a liberare piccole particelle e le particelle possono passare dai polmoni al flusso sanguigno. Le nanoparticelle insolubili che penetrano nella pelle o nel tessuto polmonare possono causare danni estesi agli organi.

Le nanoparticelle presenti nei filtri solari per le labbra possono essere ingerite e possono danneggiare il tratto gastrointestinale, sebbene non ci siano studi che suggeriscano che i consumatori ingeriscano abbastanza ossido di zinco o biossido di titanio per rappresentare una preoccupazione. I rischi sono minori se la digestione altera le proprietà delle particelle che raggiungono l'intestino. Ci sono molte incertezze sul livello di rischio. Sappiamo che il biossido di titanio è stato utilizzato per decenni come colorante in alimenti comunemente consumati, tra cui ciambelle e M & Ms, e un recente studio ha scoperto che queste particelle sarebbero state classificate come nanoparticelle (Weir 2012).

  • Le attuali normative federali sulla protezione solare garantiscono la sicurezza e l'efficacia dei minerali per la protezione solare? No. Il governo degli Stati Uniti non ha emanato regolamenti, linee guida o raccomandazioni sulle caratteristiche delle particelle che potrebbero massimizzare la protezione solare e ridurre al minimo i rischi per la salute. Come consumatore non è facile trovare informazioni dettagliate sulle nanoparticelle sulle etichette dei prodotti o dalle aziende che producono questi prodotti.


Lo zinco su nanoscala è stato approvato solo recentemente nei filtri solari europei, ad eccezione degli spray e delle polveri (EU SCCS 2012). All'inizio del 2018, l'agenzia europea per la sicurezza ha confermato che non vi erano informazioni sufficienti sul nano titanio per consentirne l'uso negli spray solari (EU SCCS 2018).

EWG mantiene una vigilanza costante nella sua valutazione della sicurezza della protezione solare. Allo stato attuale, tutte le prove disponibili suggeriscono che l'ossido di zinco e il biossido di titanio possono essere tranquillamente usati nelle lozioni solari applicate a una pelle sana. Il peso delle prove indica che sia l'ossido di zinco che il biossido di titanio rappresentano un rischio inferiore rispetto alla maggior parte degli altri ingredienti per la protezione solare approvati per il mercato statunitense.

La valutazione favorevole dell'EWG dei filtri solari a nanoparticelle non è un'approvazione dei nanomateriali in commercio. EWG ha esortato la FDA a riesaminare attentamente la sicurezza delle particelle di nanosfere utilizzate nei prodotti cosmetici ea valutare la penetrazione di pelle e polmoni e il potenziale di una maggiore tossicità per gli organi corporei (EWG 2007, 2011). Nel caso dei filtri solari, il potenziale di esposizione umana a livello del consumatore è stato attentamente studiato. A differenza di altri prodotti di consumo con nanomateriali, i filtri solari svolgono un ruolo importante nella prevenzione del cancro.

Sicurezza dei lavoratori
L'EWG rimane profondamente preoccupato per la generale mancanza di supervisione delle nanotecnologie e dei rischi associati per i consumatori, le persone con esposizioni sul posto di lavoro e l'ambiente. I regolatori governativi dovrebbero esercitare una forte supervisione per garantire che la produzione, l'uso e lo smaltimento dei nanomateriali non danneggino i lavoratori e l'ambiente. Più di 50.000 tonnellate di biossido di titanio di nanoparticelle sono state prodotte nel 2010 (Future Markets 2011), tuttavia poche regole regolano l'uso di dispositivi di protezione e altri controlli per limitare l'inalazione o l'ingestione durante la formulazione del prodotto. È urgente una valutazione più completa e completa del rischio del lavoratore e dei risultati ambientali.

Sicurezza ambientale
Quando le nanoparticelle di ossido di zinco e biossido di titanio lavano la pelle, entrano nell'ambiente, con effetti sconosciuti. Le implicazioni dell'inquinamento da nanoparticelle per l'ambiente non sono state sufficientemente valutate (Börm 2006).

I potenziali effetti negativi sull'ambiente di nanoscala e zinco e titanio convenzionali dovrebbero essere attentamente studiati e valutati rispetto all'impatto ambientale di altri anti UV. È stato dimostrato che gli ingredienti della protezione solare danneggiano il corallo, si accumulano nei pesci e nell'ambiente e interrompono gli ormoni nei pesci e negli anfibi (Buser 2006, Danovaro 2008, Giokas 2007, Kunz 2004, Kunz 2006, Weisbrod 2007).

Per tutti i filtri solari, compresi lo zinco su scala nanometrica e il titanio, è urgente eseguire valutazioni ambientali approfondite in modo che i regolatori dispongano dei dati necessari per iniziare a controllare i pericoli associati all'uso diffuso di questi e altri ingredienti chimici nei prodotti per la cura personale.


Approfondimenti:
- articolo sul forum Regolamento UE Ossido di Zinco nei cosmetici in polvere
- articolo sul forum Protezioni e creme solari: quali scegliere? Cos'è il fattore SPF?


Non cercare di splendere come la giada, ma sii semplice come la pietra.
(Lao Tzu)

Tags:

Booking.com
Avatar utente
Bioeco
Amministratore
Messaggi: 299
Iscritto il: 03/02/2016, 20:49
Contatta:

Re: Nanoparticelle nei filtri solari

Messaggio da Bioeco » 04/06/2019, 20:10

Aggiorno l'argomento con le informazioni estratte dal Regolamento Europeo sui nanomateriali impiegati nei cosmetici.
L'impiego di ingredienti in forme "nano" (nanoparticelle) è ritenuto sicuro fino ad una concentrazione massima del 25% nel prodotto cosmetico.
"Il CSSC ha ritenuto inoltre che, sulla base delle informazioni disponibili, l'impiego di nanoparticelle di ossido di
zinco nei prodotti spray non può essere considerato sicuro."
Il Zinc Oxide (Ossido di Zinco) in forma nano deve rispettare anche i seguenti limiti:

"Da non usare nelle applicazioni che possano comportare un'esposizione dei polmoni dell'utilizzatore finale per inalazione.
Sono consentiti solo i nanomateriali con le seguenti caratteristiche:
  • — purezza ≥ 96 %, con struttura cristallina della wurtzite e aspetto fisico a cluster a bastoncello, stella e/o di forma isometrica, con impurezze costituite unicamente da anidride carbonica e acqua, mentre tutte le altre impurezze sono inferiori all'1 % in totale.
  • — Diametro mediano della distribuzione dimensionale numerica delle particelle D50 (50 % del numero al di sotto di tale
    diametro) > 30 nm e D1 (1 % al di sotto di questa dimensione) > 20 nm.
  • — solubilità in acqua < 50 mg/l.
  • — Non rivestiti o rivestiti con trietossi-caprililsilano, dimeticone, dimetossi-difenil-silano-trietossi-caprililsilano cross-polimero o ottiltrietossisilano."



L'impiego di Titanium Dioxide (Biossido di Titanio) in forma nano deve rispettare le seguenti indicazioni:

Da non utilizzare nelle applica­zioni che possano comportare un'esposizione dei polmoni dell'u­tilizzatore finale per inalazione.
Sono consentiti solo i nanomate­riali con le seguenti caratteristiche:
  • — purezza ≥ 99 %, 14.7.2016 L 189/42 Gazzetta ufficiale dell'Unione europea IT
  • — forma rutilica, o rutilo conte­nente fino al 5 % di anatasio, con una struttura cristallina e aspetto fisico a cluster di forma sferica, aghiforme o lanceolata, — dimensione media delle parti­celle basata sulla distribuzione dimensionale numerica ≥ 30 nm,
  • — rapporto dimensionale da 1 a 4,5 e superficie specifica per unità di volume ≤ 460 m2/cm3, — rivestito con silice, silice idrata, ossido di alluminio, idrossido di alluminio, stearato di allumi­nio, acido stearico, trimetossi­caprililsilano, glicerina, dimeti­cone, dimeticone idrogenato, simeticone,
  • — attività fotocatalitica ≤ 10 % ri­spetto al riferimento corrispon­dente non rivestito o non dro­gato,
  • — le nanoparticelle sono fotosta­bili nella formulazione finale.


I documenti sono consultabili ai seguenti link
Regolamento Europeo 2016/621 del 21 aprile 2016 Nanomateriali nei cosmetici

Regolamento Europeo 2016/1143 del 13 luglio 2016 Biossido di titanio nano nei cosmetici


"Gli uomini discutono, la Natura agisce." (Voltaire)

Rispondi

Torna a “Cosmesi e detergenza ... cosa scegliere”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite