Filtri solari dannosi: Avobenzone, Oxybenzone, Octocrylene, Ecamsule

Come e cosa scegliere: informazioni utili e novità nel settore dei prodotti di cosmesi, detergenti e benessere.
Rispondi
Avatar utente
Bioeco
Amministratore
Messaggi: 296
Iscritto il: 03/02/2016, 20:49
Contatta:

Filtri solari dannosi: Avobenzone, Oxybenzone, Octocrylene, Ecamsule

Messaggio da Bioeco » 09/05/2019, 5:59

Filtri_solari_dannosi.jpg
Filtri_solari_dannosi.jpg (29 KiB) Visto 533 volte

Il 6 Maggio 2019 è stata pubblicata una nuova ricerca sulla sicurezza dei filtri solari nelle creme.
E' stato effettuato uno studio clinico randomizzato che comprendeva 24 partecipanti su cui sono state applicate 4 formulazioni di creme solari (di cui 2 in formato spray) disponibili in commercio e che contenevano 4 filtri solari chimici quali: Avobenzone, Oxybenzone, Octocrylene ed Ecamsule.

Lo scopo dello studio era di determinare se i principi attivi (i filtri chimici: avobenzone, ossibenzone, octocrylene ed ecamsule) presenti in 4 prodotti solari disponibili in commercio vengono assorbiti nella circolazione sistemica.

I risultati hanno mostrato che in tutti i casi l'assorbimento delle sostanze ha superato la soglia massima di sicurezza stabilita dalla "Food and Drug Administration" (FDA) statunitense che è di 0,5 ng / mL.

Come viene spiegato nella premessa della pubblicazione:
"I filtri solari prevengono i danni alla pelle riflettendo, assorbendo e / o diffondendo radiazioni UV e sono regolamentati come farmaci da banco (OTC) negli Stati Uniti.
Per alcune persone, i prodotti per la protezione solare possono essere applicati in quantità notevoli più volte al giorno nel corso della vita come prodotti primari per la protezione solare, a partire da un'età di 6 mesi, e come ingredienti nei prodotti cosmetici. L' applicazione sulla pelle può comportare l'applicazione di più grammi di crema solare in un giorno, anche con un uso modesto.

Sebbene i prodotti per la protezione solare OTC siano ampiamente usati, poco si sa dell'esposizione sistemica per la maggior parte degli ingredienti attivi. Capire l'entità dell'esposizione sistemica di questi prodotti è importante, in quanto anche una bassa percentuale di assorbimento sistemico (per esempio 0,1%) potrebbe rappresentare un'esposizione sistemica significativa (ad esempio, milligrammi di ingrediente che vengono sistematicamente assorbiti al giorno).
La rilevanza clinica dell'esposizione sistemica non è ben compresa."
- - - Nello specifico i prodotti con Avobenzone hanno avuto un'esposizione superiore a 0,5 ng / mL il primo del test, con la maggior parte dei partecipanti che raggiungevano tale soglia entro 6 ore dalla prima applicazione.
Le concentrazioni massime medie raggiunte sono state di un massimo di 4.3 ng / mL con una delle creme testate.

- - - Tutti i partecipanti che hanno applicato formulazioni contenenti Oxibenzone hanno avuto concentrazioni plasmatiche superiori a 0,5 ng / mL entro 2 ore dopo una singola applicazione il primo giorno.
Le concentrazioni massime medie hanno raggiunto un valore di 209,6 ng / mL con uno degli spray usato nel test.

- - - Per le formulazioni contenenti Octocrylene i partecipanti hanno avuto concentrazioni plasmatiche superiori a 0,5 ng / ml, a partire dal primo giorno di test e fino al settimo giorno.
Le concentrazioni massime medie hanno raggiunto un valore di 7,8 ng / mL con uno degli spray usato nel test.

- - - Infine per il filtro Ecamsule contenuto in una sola delle creme usate per lo studio, 5 dei 6 partecipanti hanno avuto una concentrazione plasmatica di superiore a 0,5 ng / mL il primo giorno.

Con questo studio clinico si è dunque dimostrata l'esposizione sistematica di 4 principi attivi di protezione solare comunemente usati per la protezione solare e testati in condizioni di utilizzo massimo così come indicato nelle etichette solari (applicazioni ogni 2 ore).
Tutti e 4 i principi attivi della protezione solare testati hanno prodotto esposizioni superiori a 0,5 ng / mL.
Attualmente l'effetto clinico delle concentrazioni plasmatiche superiori a 0,5 ng / ml è sconosciuto e perciò sono necessarie ulteriori ricerche.

Vi erano già altri studi che mostravano che:
Oxybenzone, insieme ad alcuni altri principi attivi della protezione solare incluso l'Ottocrilene, è stato trovato nel latte materno umano. Inoltre, l'Ossibenzone è stato rilevato nel liquido amniotico, nelle urine e nel sangue. Alcuni studi in letteratura hanno sollevato dubbi circa il potenziale rischio per l'Oxibenzone di influenzare l'attività endocrina.
Invece, non esistevano precedenti dati sulla concentrazione plasmatica di Avobenzone o Octocrilene, mentre l'uso di Ecamsule risultava in un'esposizione limitata, ma rilevabile in uno studio condotto in quelle che oggi sarebbero considerate condizioni di utilizzo submassimale.
[...]
Questo studio ha diversi limiti. Innanzitutto, lo studio è stato condotto in condizioni interne senza esposizione a calore, luce solare e umidità, che possono alterare o modificare la velocità di assorbimento degli ingredienti attivi della protezione solare.
Lo studio è stato progettato per raccogliere dati informativi in ​​modo standardizzato per progettare studi successivi.
In conclusione:
In questo studio preliminare condotto su volontari sani, l'applicazione di 4 filtri solari commercialmente disponibili in condizioni di uso massimale ha portato a concentrazioni plasmatiche che hanno superato la soglia stabilita dalla FDA.
L'assorbimento sistemico degli ingredienti per la protezione solare supporta la necessità di ulteriori studi per determinare il significato clinico di questi risultati. Questi risultati non indicano che gli individui dovrebbero astenersi dall'uso della protezione solare.
Testo completo della pubblicazione a questo link: https://jamanetwork.com/journals/jama/f ... le/2733085
Autori: Murali K. Matta, PhD1; Robbert Zusterzeel, MD, PhD, MPH1; Nageswara R. Pilli, PhD
Studio_su_filtri_solari.jpg
Altri articoli:


"Gli uomini discutono, la Natura agisce." (Voltaire)

Tags:

Booking.com
Avatar utente
Bioeco
Amministratore
Messaggi: 296
Iscritto il: 03/02/2016, 20:49
Contatta:

Re: Filtri solari dannosi: Avobenzone, Oxybenzone, Octocrylene, Ecamsule

Messaggio da Bioeco » 09/05/2019, 19:51

Lista ingredienti (nome inci) da evitare nelle creme solari:

- Butyl Methoxydibenzoylmethane;
- Ethylhexyl Salycilate
- Ethylhexyl triazone
- Octocrylene
- Octyldimethyl-PABA (OD-PABA)
- Ethylhexyl Methoxycinnamate o Octyl-Methoxycinnamate (OMC)
- Oxybenzone o Benzophenone-3 (Bp-3)
- 4-Methylbenzyliden Camphor (4-MBC)


"Gli uomini discutono, la Natura agisce." (Voltaire)

Rispondi

Torna a “Cosmesi e detergenza ... cosa scegliere”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite