Plastica monouso accordo Commissione Europea per abolire prodotti più inquinanti

Pubblicazione di normative in vigore a favore dell'ambiente.
Rispondi
Avatar utente
NaturAthanor
Utente registrato
Messaggi: 60
Iscritto il: 09/02/2016, 5:05

Plastica monouso accordo Commissione Europea per abolire prodotti più inquinanti

Messaggio da NaturAthanor » 09/01/2019, 4:31

Il 19 dicembre 2018 il Consiglio dell'Unione Europea ha raggiunto un accordo per abolire a partire dal 2021 gli oggetti di plastica monouso più diffusi nell'ambiente, spiagge e mare.

Si tratta di 10 prodotti in plastica di uso molto comune quali:
cotton fioc, posate e stoviglie di plastica, cannucce, bastoncini per mescolare le bevande, contenitori per alimenti, tazze in polistirene espanso, aste per palloncini e plastiche oxo-degradabili (quelle che contengono additivi per favorire la degradazione in frammenti minuscoli che però permangono nell'ambiente).

Tutti questi oggetti dovranno essere fabbricati solo con materiali eco sostenibili e gli Stati membri dovranno fissare degli obiettivi su territorio nazionale per la riduzione graduale della distribuzione, mettendo a disposizione dei prodotti alternativi nei punti vendita e/o vietando la fornitura gratuita dei prodotti in plastica monouso.

Invece, i contenitori in plastica usa e getta per bevande saranno consentiti solo se i tappi e i coperchi restano attaccati al contenitore, mentre gli altri contenitori per alimenti e tazze per bevande in plastica saranno soggetti a piani di riduzione del consumo.

Si calcola che tutti questi prodotti in plastica monouso costituiscono già il 70% di tutti i rifiuti che inquinano acqua e terra.

Inoltre dal 2025 le bottiglie in Pet dovranno essere fatte per il 25 per cento da materiale riciclato e dal 2030 la percentuale salirà al 30 per cento.

E' fissato anche un obiettivo in due step: entro il 2025 la raccolta delle bottiglie di plastica dovrà arrivare al 77 per cento e raggiungere il 90% entro il 2029. Inizialmente però la proposta prevedeva il 90 per cento entro il 2025, quindi si ritarderà di 4 anni l'obiettivo.
Fra i sistemi di raccolta si potranno utilizzare a sistemi di cauzione-deposito come quelli già in funzione per alcune bottiglie di vetro.

"Sono anche previsti incentivi al settore industriale per lo sviluppo di alternative meno inquinanti; ma in compenso i produttori saranno chiamati a coprire i costi di gestione e bonifica dei rifiuti ("regime di responsabilità estesa del produttore"), e i costi delle misure di sensibilizzazione per una serie di prodotti: contenitori per alimenti, pacchetti e involucri (ad esempio per patatine e dolciumi), contenitori e tazze per bevande, prodotti del tabacco con filtro (i mozziconi di sigaretta), salviette umidificate, palloncini e borse di plastica in materiale leggero. Le tazze per bevande e i prodotti del tabacco con filtro saranno sottoposti a un obbligo di marcatura: dovranno avere un'etichetta chiara e standardizzata che indichi la presenza di plastica nei prodotti, come devono essere smaltiti, e il loro impatto negativo sull'ambiente. Non sono stati però definiti obiettivi quantitativi di riduzione per i prodotti del tabacco, come avrebbe voluto il Parlamento europeo. La direttiva contiene infine disposizioni separate per quanto riguarda gli attrezzi da pesca, che rappresentano il 27% dei rifiuti rinvenuti sulle spiagge. Verranno introdotti dei regimi di responsabilità del produttore per gli attrezzi da pesca contenenti plastica: i fabbricanti dovranno coprire i costi della raccolta differenziata dei rifiuti quando questi articoli sono dismessi. Verranno sviluppati degli standard armonizzati per garantire il riciclaggio di questi attrezzi con una progettazione finalizzata all'economia circolare. Il Consiglio Ue puntava al recupero di almeno il 50% e il riciclaggio del 15% delle reti da pesca entro il 2025, ma nell'accordo non vi sono target quantitativi, solo l'impegno degli Stati membri a stabilire obiettivi nazionali, in vista della fissazione di obiettivi europei in un secondo momento." (Fonte salute.aduc.it/notizia/plastica+monouso+accordo+comsiglio+europarlamento_135350.php)

Questo sarebbe l'accordo ottenuto dopo mesi di negoziati e dopo che la Commissione aveva depositato la propria proposta a il 28 maggio 2018.
Ora è previsto il voto sul testo della Commissione Ambiente entro gennaio 2019.
In seguito alla pubblicazione sulla Gazzetta Ue, i Paesi membri dovranno recepire la direttiva entro due anni ovvero entro l'inizio del 2021.


"Pensa agendo ed agisci pensando."

Tags:

Avatar utente
Teodoro
Utente registrato
Messaggi: 14
Iscritto il: 12/02/2016, 3:49

Re: Plastica monouso accordo Commissione Europea per abolire prodotti più inquinanti

Messaggio da Teodoro » 10/01/2019, 19:00

Piano piano forse qualcosa si muove. Intanto in altri posti come a New York già da gennaio 2019 vengono vietati i contenitori di polistirolo per alimenti. Hamburger e cibo di strada saranno serviti in involucri di carta o altri materiali riciclabili. Qui da noi invece ci vuole più tempo solo per abituarsi prima all'idea di un cambiamento.



Rispondi

Torna a “Nuove norme a favore dell'ecosistema”