Detersivi verdi ed ecologici da batteri che vivono ai Poli della Terra

Rispondi
Nosmog
Utente registrato
Messaggi: 21
Iscritto il: 09/09/2016, 19:13
Contatta:

Detersivi verdi ed ecologici da batteri che vivono ai Poli della Terra

Messaggio da Nosmog » 11/02/2018, 3:09

Nonostante le temperature sotto zero, l'aumento delle radiazioni UV, poca acqua liquida e pochi nutrienti disponibili, i batteri che vivono sui poli della Terra prosperano. Essi riescono in questo grazie in parte alle molecole chiamate biotensioattivi, che aiutano a separare i complessi substrati di cui si nutrono in goccioline facili da metabolizzare. Il 7 febbraio sulla rivista Trends in Biotechnology, i ricercatori esaminano gli usi ipotetici di queste molecole che amano il freddo per detersivi "verdi", additivi per carburanti e altre applicazioni.

"Hanno davvero un enorme potenziale", dice la microbiologa e biotecnologa Amedea Perfumo del GFZ German Research Center for Geosciences. I biotensioattivi sono sicuri da rilasciare nell'ambiente e possono essere prodotti utilizzando prodotti di scarto convenienti come sottoprodotti di olio d'oliva e oli da cucina. Funzionano anche a basse concentrazioni, quindi abbiamo bisogno di minor quantità per ottenere lo stesso risultato. Ma quelli prodotti da batteri estremofili hanno quello che Perfumo chiama "una caratteristica in più": lavorano a temperature di congelamento.

Questa stabilità ha implicazioni enormi su come queste molecole potrebbero essere utilizzate. Il biodiesel, che è prodotto da materiali di scarto e una combustione più pulita della benzina, potrebbe essere un'alternativa valida per il carburante se un additivo biosurfattante potrebbe migliorare il suo flusso lento a temperature fredde. Detersivi a base di biosurfattanti attivi a freddo significherebbe che potremmo diventare "verdi" riducendo le temperature di lavaggio, senza preoccuparci che i nostri vestiti non siano puliti. Questi biotensioattivi potrebbero anche essere utilizzati per raccogliere gas naturale da cristalli di ghiaccio simili a gabbie chiamati idrati di gas o per ripulire le perdite di inquinamento nelle regioni più fredde dell'oceano.

Secondo Perfumo, non c'è mai stato un momento migliore di adesso per far avanzare la ricerca su queste applicazioni biotecnologiche. "Le regioni fredde del nostro pianeta stanno diventando effettivamente più accessibili per l'esplorazione e la ricerca scientifica", dice.
E la crescente disponibilità di batteri estremofili nelle collezioni di colture ha anche migliorato l'accessibilità.
"Gli scienziati che non hanno la possibilità di andare personalmente nelle regioni polari e prendere campioni possono semplicemente ottenere organismi dalle collezioni di culture. È alla portata di tutti."

Gli enzimi attivi a freddo, anch'essi prodotti da batteri estremofili, hanno già iniziato a essere prodotti industrialmente. Alla domanda sul perché questo non sia vero per i biosurfattanti attivi a freddo, Perfumo non ha una buona risposta. "Per me è piuttosto un punto interrogativo", dice, perché vede così tanto potenziale per queste molecole. Riconosce, tuttavia, che c'è ancora molto lavoro da fare per determinare i batteri più utili, le condizioni in cui produrranno i maggiori rendimenti e se potrebbe essere possibile produrre biosurfattanti come parte del processo che produce enzimi.
"Sappiamo ancora solo un po '", dice. Tuttavia, lei è fiduciosa. "Penso che con un po 'di lavoro e un po' di pazienza e soprattutto con le forze comuni, possiamo compiere un passo coraggioso nel prossimo futuro. Sarà davvero una grande sfida per la scienza e la tecnologia. "

Questo lavoro è stato sostenuto dal programma di ricerca e innovazione di Orizzonte 2020 dell'Unione europea.


Articolo tradotto dal sito idw-online.de/de/news688547
Riferimenti sulla ricerca pubblicata: Trends in Biotechnology, Perfumo, A. et al.: “Going Green and Cold: Biosurfactants from Low Temperature Environments to Biotechnology Applications” http://www.cell.com/trends/biotechnolog ... 17)30280-9



Tags:

Rispondi
  • Argomenti simili
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio

Torna a “Nuove soluzioni ecosostenibili”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Bing [Bot] e 0 ospiti