Scarti dell'uva riciclabili: dai fertilizzanti ai cosmetici

Rispondi
Avatar utente
NaturAthanor
Utente registrato
Messaggi: 69
Iscritto il: 09/02/2016, 5:05
Contatta:

Scarti dell'uva riciclabili: dai fertilizzanti ai cosmetici

Messaggio da NaturAthanor » 23/04/2018, 2:07

Riutilizzo_scarti_uva.jpg
Riutilizzo_scarti_uva.jpg (11.94 KiB) Visto 664 volte
Traduzione dell'articolo originale in inglese: From landfill to lipstick: Grape waste as a cosmetic and food ingredient

"Dalla discarica al rossetto: rifiuti d'uva come ingrediente cosmetico e alimentare


NEW ORLEANS, 19 marzo 2018 - Il mondo beve molto vino e questo significa che molte uve vengono consumate ogni anno. Ma non tutte le parti dell'uva finiscono nella bottiglia. I semi, i gambi e le bucce - circa un quarto delle uve - vengono generalmente scartati nelle discariche come rifiuti. Ma ora i ricercatori dicono di aver trovato alcune utili applicazioni commerciali, come prolungare la durata di conservazione degli alimenti grassi, per questi avanzi di vino.

"Grandi quantità di rifiuti di uva possono essere dannosi per l'ambiente", dice Changmou Xu, Ph.D. Questo rifiuto, noto come sansa, può causare inquinamento delle acque superficiali e sotterranee perché pesticidi e fertilizzanti usati sulle uve possono lisciviare nell'ambiente. Inoltre, il terreno può diventare più acido a causa del basso pH della vinaccia. I rifiuti di uva lasciati nelle discariche possono persino contribuire alla diffusione di malattie perché possono attrarre mosche e parassiti, dice.

L'industria vinicola mondiale produce circa 14 milioni di tonnellate di vinacce ogni anno, insieme all'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura, i produttori di vino cercano una soluzione su cosa farne. Il gruppo di Xu dell'Università del Nebraska-Lincoln vuole rimarchiare i rifiuti d'uva come risorsa rinnovabile, utilizzandola per produrre antiossidanti, oli d'uva e fibre alimentari per i prodotti per la salute. Optare per le vinacce ad uso commerciale è uno dei due punti di forza per i problemi di spreco dei viticoltori. Xu, oltre a migliorare il valore economico del settore vitivinicolo, potrebbe anche minimizzare la contaminazione ambientale.

La sansa può essere usata come compost o fertilizzante, e alcuni produttori di vino hanno persino prodotto un "secondo vino" più debole immergendo le bucce delle uve in acqua e fermentando la miscela. Ma la vinaccia è anche una ricca fonte di antiossidanti naturali come proantocianidine, antociani e acido ellagico. Questi antiossidanti si legano ai radicali liberi - sottoprodotti tossici del metabolismo dell'ossigeno che possono danneggiare il corpo - in tal modo i radicali non possono legarsi e danneggiare le cellule. Questi ingredienti di vinacce, così come l'olio di semi d'uva, sono stati utilizzati in integratori alimentari, prodotti farmaceutici e cosmetici.

Utilizzando un approccio olistico, il team di Xu sta identificando le tecnologie ottimali per estrarre, separare e identificare i nutrienti dalle vinacce, e quindi utilizzeranno tali nutrienti nei prodotti commerciali. Le tecnologie devono anche rimuovere eventuali pesticidi che sarebbero stati usati sulle uve. Il gruppo ha collaborato con i biologi per verificare se i polifenoli trovati nelle vinacce siano efficaci contro i patogeni di origine alimentare come E. coli e Salmonella. Hanno anche lavorato con i fisiologi per studiare come integrare le diete dei maiali con le vinacce durante la tarda gestazione attraverso l'allattamento per influire sulla salute dell'intestino, sulla sopravvivenza allo svezzamento e sulla crescita nei maialini giovani.

"Stiamo anche sviluppando alcune applicazioni nel settore alimentare, con l'obiettivo di sostituire gli antiossidanti artificiali con antiossidanti naturali dalle uve per un cibo 'etichetta pulita' con solo ingredienti naturali", dice Xu. I ricercatori hanno separato i composti fenolici dagli altri componenti delle vinacce, compresi eventuali pesticidi usati sulle uve, e li hanno aggiunti a cibi popolari ricchi di grassi, come la maionese e il condimento per il ranch. Prima di aggiungere i composti fenolici, il team li ha anche testati per assicurarsi che soddisfino i requisiti di sicurezza. Hanno scoperto che questi composti inibiscono significativamente l'ossidazione dei lipidi, prolungando la durata di conservazione degli alimenti grassi, specialmente quando i campioni sono stati esposti a una temperatura calda. Xu afferma che in uno studio precedente, il suo team ha utilizzato i polifenoli per ridurre del 60% la formazione di acrilammide nelle patatine fritte.

"Stiamo continuando a migliorare l'efficienza di questa inibizione e miriamo a rendere le prestazioni dei composti fenolici paragonabili a quelle dell'acido etilendiamminotetraacetico (EDTA), che è un antiossidante artificiale", afferma Xu. Sebbene l'EDTA sia ampiamente aggiunto a cibi, cosmetici e medicine ed è sicuro da usare, non è un ingrediente molto favorevole all'etichetta nell'attuale clima di consumo. Le persone sono alla ricerca di etichette alimentari che elencano ingredienti naturali, dice Xu. E le vinacce potrebbero fornire un modo per soddisfare questo bisogno."


Ricerca presentata al 255° Congresso Nazionale della American Chemical Society (ACS), la più grande società scientifica del mondo che propone oltre 13.000 presentazioni su una vasta gamma di argomenti scientifici.

L'American Chemical Society, è un'organizzazione no-profit istituita dal Congresso degli Stati Uniti. ACS è un leader globale nel fornire accesso alle informazioni e alla ricerca relative alla chimica attraverso le sue molteplici banche dati, riviste peer-reviewed e conferenze scientifiche. ACS non conduce ricerche, ma pubblica e pubblicizza studi scientifici sottoposti a revisione obiettiva. I suoi uffici principali sono a Washington, DC, e Columbus, Ohio.


"Pensa agendo ed agisci pensando."

Tags:

Rispondi
  • Argomenti simili
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio

Torna a “Nuove soluzioni ecosostenibili”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti