Olio di Arnica: proprietà e benefici

Proprietà, utilizzi e benefici degli oli vegetali ad uso cosmetico e fitoterapico.
Ricette e recensioni sul loro impiego.
Rispondi
Avatar utente
Bioeco
Amministratore
Messaggi: 290
Iscritto il: 03/02/2016, 20:49
Contatta:

Olio di Arnica: proprietà e benefici

Messaggio da Bioeco » 09/02/2016, 4:42

Che cos'è l'olio di Arnica

L'olio di Arnica è un olio che si ricava dalla macerazione dei fiori e rizomi dell'Arnica montana o di Heterotheca Inuloides.

L'olio di Arnica è un oleolita completamente vegetale, dalle note proprietà antinfiammatorie, analgesiche, e risanatrici che agisce sui traumi del sistema circolatorio, dei muscoli e dell’apparato osteoarticolare.

Per la prima volta l'Arnica fu citata da Idelgarda di Bingen (1098 - 1179) come rimedio fitoterapico per il trattamento di contusioni ed ecchimosi.
Al giorno d'oggi è una pianta di largo utilizzo, esclusivamente topico, sia come oleolito sia come Tintura Madre, ed è il principio attivo di molte creme, unguenti, gel e pomate indicate contro dolori muscolari e articolari, contusioni dovuti a traumi e svariate affezioni della pelle. Trova vasto impiego anche nei prodotti tricologici.


Caratteristiche della pianta

L'Arnica montana cresce solo in montagna nelle zone alpine e prealpine ed è una pianta protetta in Europa occidentale.
Per tali ragioni per la preparazione di prodotti fitoterapici si utilizza una pianta dalle proprietà analoghe: Heterotheca Inuloides detta anche "Arnica messicana".
E' una pianta della famiglia delle Compositae, la stessa dei girasoli. I suoi fiori gialli, che sono la parte medicinale della pianta, sono lunghi fra cinque e otto centimetri di diametro e assomigliano a delle margherite.

Scheda tecnica
- Nome botanico: Heterotheca inuloides Cass.
- Famiglia botanica: Compositae (Asteraceae).
- Sinonimi: Arnica messicana, Falsa Arnica, Arnica del pais, Acahutal, Cuauteteco.
- Origine della pianta: coltivata.
- Parte della pianta impiegata: fiori (a volte comprensivi di steli e foglie).
- Epoca di raccolta: alla completa fioritura.
- Attivi della pianta: resina, gomma acido gallico e tannino ossalati, citcina e alcaloide arcinicina. Rispetto all'Arnica montana non contiene lattoni sesquiterpenici.
- Tipo di prodotto: pianta officinale L.99.06/01/31 - uso esterno.
- Utilizzo: antinfiammatorio, analgesico, antisettico.

Come si produce l'olio di Arnica

Per preparare l'olio di Arnica si riempie un barattolo per 3/4 della capienza con i fiori di Arnica essiccati e si aggiunge olio vegetale, di girasole o di mandorle dolci, fino a completo riempimento.
Si ripone il barattolo chiuso in un luogo buio e fresco per circa un mese.
Trascorso il tempo della macerazione si filtra il contenuto con un colino, aiutandosi con un cucchiaio per pressare sui capolini e far uscire tutto il concentrato di principi attivi rilasciati dai fiori durante la macerazione.
Se di desidera un olio più limpido si può procedere ad un secondo filtraggio con una garza di cotone che eliminerà i residui di impurità.
Nota: i fiori che devono essere essiccati vanno raccolti in estate quando la pianta è in piena fioritura con il suo caratteristico colore giallo-arancio.

Proprietà e benefici dell'olio di Arnica

L'Arnica è uno dei più validi rimedi omeopatici ed è davvero un farmaco straordinario per la cura post trauma.
Contiene flavonoidi, triterpeni e olio essenziale che conferiscono a quest'oleolita proprietà antinfiammatorie, antidolorifiche e stimolanti la circolazione.
Può essere usata per coadiuvare le terapie post incidente, per le emorragie, interne ed esterne.
L'Arnica può aiutare i trattamenti acuti e cronici anche a lungo termine, ma i migliori benefici si hanno nel contrastare gli shock e i traumi. Dona un immediato soccorso per le contusioni, le ferite e aiuta a riassorbire edemi e versamenti ematici.

Oltre a ridurre il dolore dovuto a traumi quali urti e cadute, favorisce anche il riassorbimento dei lividi, ematomi, ecchimosi ed edemi e riducendo rapidamente il gonfiore e il dolore.

Il suo impiego è indicato in tutte quelle situazioni in cui necessita il ghiaccio (cadute, fratture, lussazioni, incidenti) per evitare la formazione di un versamento, che sia di liquidi o causato dalla rottura dei vasi sanguigni. Inoltre è molto efficace anche su strappi e stiramenti muscolari, distorsioni, contusioni, slogature, flebiti, dolori articolari (cervicali e tendiniti), caratterizzati anche da infiammazione e gonfiore, e reumatismi.

E' molto impiegato per un massaggio tonificante sui muscoli, prima e dopo attività sportiva o per chi pratica sport all'aperto. Dona vigore alle membra stanche e indolenzite.

Nel trattamento delle vene varicose l’olio di Arnica è un valido aiuto per sfiammare e far rientrare i vasi, grazie alla sua azione antinfiammatoria e astringente sul sistema circolatorio.
Per questa ragione è indicato come rimedio anche delle emorroidi.

E’ dimostrato che l’Arnica ha portentosi poteri curativi per le infiammazioni articolari (artrite, artrosi), i dolori muscolari e i traumi, infatti riesce a ridurre la risposta del corpo all'infiammazione.

Modo d'uso

Massaggiare una piccola quantità di olio di Arnica sulla zona da trattare.

Avvertenze: si sconsiglia l'utilizzo su pelle lesionata.
Allegati
ARNICA_Heterotheca_Inuloides.jpg
ARNICA_Heterotheca_Inuloides.jpg (12.34 KiB) Visto 1039 volte


"Gli uomini discutono, la Natura agisce." (Voltaire)

Tags:

Rispondi

Torna a “Gli oli vegetali cosmetici e fitoterapici”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti